• Home
  • Cronaca
  • Capaccio. Porta a porta esteso su tutto il territorio comunale, eliminati tutti i cassonetti

Capaccio. Porta a porta esteso su tutto il territorio comunale, eliminati tutti i cassonetti

di Rito Ruggeri

Come annunciato nelle scorse settimane, è partito il servizio “porta a porta” per le aree rurali del territorio di Capaccio Paestum.

Con questo ulteriore e definitivo passo, l’intero territorio comunale, tra i più vasti della regione Campania, è adesso totalmente coperto dal servizio “porta a porta”, diventando così uno dei primi d’Italia ad essere completamente servito dal sistema.

Un obiettivo da tempo programmato per l’amministrazione Marino che, in questi anni, ha mantenuto un impegno costante sul tema dell’ambiente e della raccolta differenziata che nell’anno 2011 (dati al 31 agosto) è attestata al 51.23%, media massima mai raggiunta nel lungo periodo.

Già nel 2008, la giunta Marino estese alle zone costiere il servizio del “porta a porta” con ottimi risultati. In mezzo, nel 2010, l’attivazione dell’isola ecologica e della piattaforma di movimentazione selettiva di Varolato.

Tanti piccoli grandi passi, che hanno migliorato la qualità del servizio offerto alla cittadinanza. Sempre per le zone rurali, in corso di distribuzione le compostiere domestiche, accolte con grande favore dai residenti. Ulteriore particolare assai importante: da ieri notte, sono definitivamente scomparsi da tutto il territorio comunale i cassonetti stradali (le impropriamente dette isole ecologiche). Rimarranno solo le campane del vetro nelle zone dei centri abitati. Sono in corso, proprio in queste ore, le definitive bonifiche delle zone laddove insistevano i cassonetti.

Un altro fondamentale obiettivo del nostro programma è stato portato a termine – dichiara il portavoce dell’amministrazione Comunale e consigliere Carmine Caramante – con l’estensione del porta a porta sull’intero territorio comunale, la distribuzione delle compostiere domestiche nelle zone rurali, l’eliminazione totale dei cassonetti stradali, il potenziamento del depuratore e della piattaforma ecologica di Varolato, abbiamo realizzato l’intero programma che avevamo tracciato sul tema dell’ambiente, della salvaguardia della natura e del decoro urbano. Ora tocca ai cittadini. Confidiamo in loro, nella loro educazione e nel loro rispetto civico. Non ci sono più cassonetti per strada, ora tocca a ciascuno di noi fare la nostra parte di cittadini. La differenziata è un gesto semplice che permetterà di vivere in uno spazio più sano e pulito. Ovviamente, nei primi giorni, i controlli saranno ancora più frequenti e rigorosi. Il lancio del sacchetto e l’abbandono di rifiuti per strada è un reato di natura penale che è punito con sanzioni che prevedono anche la reclusione”.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019