Picchia a sangue i genitori e la sorella 20enne: 36enne arrestato

Picchia i genitori, loro lo denunciano e il gip lo manda in carcere. Antonio Viscido, 36 anni, bracciante agricolo, è stato arrestato ieri mattina dai carabinieri. La misura cautelare è stata disposta dal gip del tribunale di Salerno, come riporta l’edizione odierna de La Città di Salerno. Il figlio violento, che aggredì anche la sorella ventenne, è stato tradotto al carcere di Salerno. Deve rispondere di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce. Nei prossimi giorni sarà interrogato. Pativano le condotte violente del figlio, già noto alla giustizia, ma non avevano il coraggio di denunciarlo. Temevano la sua reazione. I genitori di 69 e 59 anni, dopo l’ultima minaccia, si sono decisi a raccontare tutto ai carabinieri. Col groppo in gola e la paura di non farcela, le due vittime di violenze hanno raggiunto la caserma dei carabinieri. AI militari hanno raccontato il loro calvario di come quel figlio era violento con loro e la figlia convivente. Nella mattina di ieri i carabinieri hanno bussato a casa del 36enne, dove vivono anche i familiari. I militari hanno notificato al bracciante di Montecorvino il provvedimento di arresto. L’uomo è stato trasferito in caserma per le pratiche di rito e poi in cella, nel carcere di Fuorni.