Forte scossa di terremoto in Grecia, avvertita anche in Cilento e Diano

La stampa greca parla di almeno due morti e quattro feriti in seguito al terremoto di oggi nell’isola greca di Lefkada nello Ionio. Si tratterebbe di due donne di 60 anni, una uccisa da un masso. Mentre sono almeno 10 le case danneggiate dal sisma. La violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6.8, è stata registrata alle ore 7.10 sulle coste ioniche della Grecia, a una profondità di 10 km. Secondo quanto riportato da diversi quotidiani del Cilento e Vallo di Diano, la scossa sarebbe stata avvertita dalla popolazione non solo in Grecia, ma anche in diverse zone del territorio a sud di Salerno. Si è sentita in modo chiaro, invece, in Puglia e Calabria. Non risultano feriti e danni.

Il Centro di allerta tsunami dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sulla base delle valutazioni dei parametri sismici registrati, ha inviato al dipartimento della Protezione civile un messaggio contenente la valutazione di «non previsione di arrivo sulle coste italiane di un’onda di maremoto tale da creare danni». Il dipartimento, per verificare comunque la situazione, è stato costantemente in contatto con il comando generale delle capitanerie di Porto-Guardia costiera, con le sale operative delle regioni Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia che hanno ricevuto numerose telefonate da parte dei cittadini che hanno chiaramente avvertito il terremoto. Le verifiche effettuate hanno segnalato solo la registrazione di un’onda di maremoto di altezza massima di 10 centimetri all’interno del porto di Crotone che non ha provocato alcun effetto.


©Riproduzione riservata