Montesano, in migliaia alla protesta contro la realizzazione della stazione elettrica Terna: «Non si può mortificare così una comunità»

Hanno protestato in migliaia sabato mattina alla manifestazione ‘No Terna day’ contro la realizzazione di una stazione elettrica Terna nel centro abitato di Montesano Scalo. Da parte di tutti i manifestanti un «No» secco alla sottostazione elettrica nella frazione Scalo di Montesano: oltre mille le persone che hanno preso parte al corteo. Giovani, mamme, ambientalisti ma anche persone anziane e amministratori, tutti uniti contro la realizzazione dell’impianto, da parte di Terna spa, in località Tempa San Pietro. Presente anche il vescovo della diocesi di Teggiano – Policastro, Antonio De Luca.

«Mai il nostro territorio si era mobilitato in questo modo -ha dichiarato Donato Fiore Valentini, sindaco di Montesano – a dimostrazione che è un problema molto sentito. La nostra comunità non può essere mortificata così, solo per degli interessi economici. Spero che questo sia il primo passo di una battaglia per un no secco a questa vicenda».

«Non è questo il futuro che i cittadini vogliono – ha commentato Daniele Campanelli, presidente di Life Onlus – Dobbiamo essere uniti contro questa vergogna, bisogna che il Vallo dica no e si unisca ai cittadini montesanesi in questa “battaglia” per la vita».

Gli abitanti della frazione Montesano Scalo sono seriamente preoccupati per le ricadute negative sulla loro salute che si potrebbero avere con la presenza della stazione elettrica. Il Comune ha presentato ricorso al consiglio di Stato contro la sentenza del Tar del Lazio che ha dato ragione alla Terna e ha annullato gli atti di sospensione dei lavori e di demolizione emessi dall’ufficio tecnico comunale. Da parte dell’amministrazione, inoltre, anche la richiesta a un gruppo di medici oncologi e ingegneri ambientali, di una relazione tecnica sui problemi alla salute che potrebbero essere causati dalle onde elettromagnetiche emesse dalla centrale.

I lavori di costruzione della stazione elettrica, con un costo complessivo di 11 milioni di euro e con una potenza di 380/150 Kv su una una superficie di cantiere di circa sette ettari, sono iniziati a giugno 2011.

©Riproduzione riservata

Leggi:

Proteste nel Vallo di Diano: «No alla stazione elettrica di Montesano Scalo», la mobilitazione parte dal web

Rinnovatori democratici su stazione elettrica di Montesano Scalo: «Il Vallo di Diano diventi un esempio di Smart City»

Stazione elettrica Montesano S/M, martedì audizione della VII commissione consiliare

Montesano S/M, vicenda stazione elettrica: convocata la VII commissione consiliare regionale

Vallo di Diano: stazione elettrica in Montesano sulla Marcellana, Donato Pica consigliere regionale chiede Caldoro “Provvedimenti Urgenti”

Stazione elettrica di Montesano, Donato Pica interroga Caldoro e gli assessori Vetrella e Romano

Montesano sulla Marcellana: consiglio comunale straordinario per deliberare due punti importanti, Terme e sottostazione elettrica