Schianto mortale a Capaccio Paestum: muore 19enne

E’ di un morto e quattro feriti il tragico bilancio dell’incidente avvenuto domenica sera intorno alle 20:30 a Capaccio Paestum in località Cerro. A perdere la vita è stato un 19enne di Borgo San Cesareo di Albanella, Francesco De Vita. Lo schianto mortale è avvenuto tra due auto sulla statale 18. Feriti anche il fratello e la fidanzata che viaggiavano nella vettura insieme a lui. Coinvolta anche una coppia di giovani a bordo dell’altra auto, anche loro feriti. Sull’incidente indagano i carabinieri della stazione di Capaccio Scalo, che dovranno ricostruire la dinamica dell’incidente e stabilire eventuali responsabilità.

Sotto choc le due comunità. Ha scosso profondamente la comunità di Albanella la morte di Francesco. L’amministrazione comunale retta dal sindaco Renato Josca ha espresso la propria vicinanza ai familiari e annuncia che per il giorno del funerale sarà proclamato il lutto cittadino. Rinviate a data da destinarsi tutte le manifestazioni previste per il periodo natalizio dall’Istituto comprensivo di Albanella. «Sono profondamente scosso,  addolorato e frastornato per questa ennesima tragedia della strada, che colpisce la nostra comunità privandola di un giovane che aveva tutta una vita davanti – afferma il sindaco Renato Josca –  da dedicare a se stesso e agli altri. Il mio profondo legame  con le famiglie Lettieri e De Vita acuisce ancora di più questo sentimento di perdita. Sono tragedie di fronte alle quali si resta attoniti, non ci possono essere spiegazioni. Non ci sono parole per descriverle e per attutire il dolore. Troppe volte la nostra comunità è stata dilaniata nel proprio animo da questi eventi luttuosi. Tutta la comunità si deve stringere intorno ai familiari, che hanno perso i propri cari e far sentire loro la condivisione e l’affetto, sperando che ciò possa essere loro d’aiuto. La nostra vicinanza deve essere dimostrata non solo con le parole,  ma anche con i fatti e un piccolo segno sarà quello di proclamare il lutto cittadino nel giorno del funerale. Questi eventi ci devono essere da insegnamento e far capire come la vita possa spezzarsi in un attimo per questo dobbiamo  viverla giorno per giorno dedicandosi al bene comune». 

©Riproduzione riservata

Foto tratta da ©Facebook