Sindacati contro il degrado delle strade del Cilento: «Peggiorate per le frane degli ultimi giorni»

Le strade del Cilento sono al collasso e il turismo, inevitabilmente, subisce duri colpi. A protestare contro lo stato di degrado della viabilità cilentana anche i sindacati: «Insieme a Cgil e Uil e le categorie interessate abbiamo chiesto ai sindaci del Cilento e del Vallo di Diano di avere notizie su quanto sinora fatto per la sicurezza e la ricostruzione delle strade chiuse o parzialmente agibili a seguito dell’emergenza verificatesi lo scorso gennaio – ha dichiarato il segretario generale della Cisl, Matteo Buono – . Le condizioni delle strade sono quasi sempre le stesse anzi, in qualche caso, peggiorate per le frane verificatesi in questi giorni a causa delle abbondanti piogge che hanno flagellato buona parte del territorio provinciale. E’ per questo motivo che abbiamo deciso di avere la fotografia dello stato dell’arte e verificare quanto le amministrazioni locali, la Provincia e la Regione hanno prodotto in questi mesi. L’eccellenza del mare del nostro Cilento da sola non basta se non è accompagnata anche da un’adeguata viabilità per mantenere vivo il settore turistico, vitale per la nostra provincia».

«Tutti sono chiamati a fare la loro parte e a svolgerla senza buttare la croce addosso a nessuno – conclude Buono –. IL nostro timore è che possano essere fermi nelle pastoie burocratiche delle amministrazioni una parte dei finanziamenti necessari per l’esecuzione delle opere pubbliche. Se così fosse oltre al danno di non veder riparate le strade anche la beffa della mancata occupazione di tanti lavoratori dell’edilizia».

©Riproduzione riservata
Twitter @BiagioCafaro