Rubavano nelle auto vicino ai cimiteri, da Vallo della Lucania a Pollica: due arresti

Infante viaggi

Si aggiravano per il Cilento alla ricerca di auto da depredare. Preferivano quelle parcheggiate nei pressi dei cimiteri, perché isolate e incustodite e quindi più comode per i furti. A volte venivano lasciate anche aperte dagli ignari proprietari e loro rubavano quel che potevano, dai cellulari alle borsette, ma anche pc e altri oggetti di valore. Le telecamere di sicurezza delle banche, dove avevano cercato di prelevare contanti dopo essersi impossessati delle carte di credito delle vittime, li hanno incastrati.

P.L, 53 anni e V.B di 35 anni, entrambi originari di Agropoli, sono stati arrestati con precedenti di polizia, nella giornata di giovedì dai carabinieri della stazione di Castelnuovo Vallo Scalo, in ottemperanza all’ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari emessa dal gip del tribunale di Vallo. I due, da novembre 2011 a marzo 2013 hanno rubato in oltre 30 auto in sosta nei parcheggi dei cimiteri dei comuni salernitani di Vallo della Lucania, Castelnuovo Cilento, Salento, Pollica, Casal Velino, Stella Cilento, Ascea, Moio della Civitella, Ceraso e Novi Velia.

  • assicurazioni assitur

I malfattori sono stati incastrati anche da alcune telecamere che i carabinieri hanno installato all’interno di bagni chimici dei cantieri. Fingendo lavori edili nei cantieri nei pressi dei parcheggi dei cimiteri, i militari hanno installato dei bagni con delle sofisticate telecamere per riprendere i ladri che per mesi hanno fatto razzia nel Cilento. Le indagini hanno portato all’arresto dei due agropolesi che sono stati tradotti entrambi nelle loro abitazioni in regime degli arresti domiciliari.

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro