• Home
  • Cronaca
  • Prostituzione a Vallo della Lucania, morto uno degli indagati

Prostituzione a Vallo della Lucania, morto uno degli indagati

di Marianna Vallone

Non era stato arrestato per motivi di salute, ma anche lui, come altre sei persone, risultava indagato nel maxi blitz anti prostituzione che vede alla sbarra Eugenio Russo, Aldo Giordano, Pasquale De Stefano, Ella Aron, Luciano Aliberti e Mario Citro. E’ il figlio di quest’ultimo, Fabio Citro, il settimo indagato nell’inchiesta sulla prostituzione nel Cilento. Il 37enne vallese figlio di Mario Citro, convivente dell’ucraina Ella Aron, è morto domenica mattina nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania per le gravi ferite riportate il 25 luglio dopo un incidente stradale che l’ha visto coinvolto. L’uomo era alla guida di una moto quando si è schiantato contro un albero.

Tutti i dettagli del maxi blitz

Ultime testimonianze e intercettazioni porterebbero alla luce nuovi dettagli. Pare che l’organizzazione operasse anche a Paestum, oltre ad estendere interessi sulla costa cilentana fino a Camerota. I sette indagati erano a caccia di nuovi clienti, e tra questi sono saltati fuori imprenditori, studenti, professionisti. Il blitz ha portato alla chiusura di due club privè di Vallo della Lucania e Stella Cilento. Per tutti i sei indagati l’accusa di «associazione per delinquere finalizzata all’induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione di donne italiane e straniere».

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019