Prima sconfitta in B per la Salernitana, Brezovec e Catellani gelano l’Arechi

Prima sconfitta per la Salernitana di mister Torrente. I granata sono stati sconfitti da uno Spezia in grande spolvero. La compagine con il cavalluccio marino sul petto è troppo confusionaria, svagata e con una condizione fisica non brillante. Gli undici non hanno retto il ritmo dei liguri che si sono dimostrati troppo forti. La carica dei 12mila allo stadio Arechi non è bastata. La Salernitana, ora, occupa un posto a metà classifica.

Primo tempo

Ospiti che partono subito col piglio giusto, gestendo con tranquillità la gara. La prima occasione del match capita sui piedi di Situm che al 13’ minuto sugli sviluppi di un calcio di punizione e dopo un batti e ribatti in area di rigore granata, calcia alto a pochi passi da Terracciano. Vantaggio ligure rinviato solo di un minuto. Infatti al 14’ Pestrin al limite dell’area tocca Kvrzic, l’arbitro fa proseguire, con la palla che arriva a Brezovec, conclusione potente rasoterra del centrocampista spezzino, con Terracciano che non ci arriva, Spezia in vantaggio. Dopo qualche minuto di blackout per i ragazzi di Torrente, la Salernitana reagisce, spinta dal grande sostegno del pubblico. Gabionetta è compagni però sono troppo imprecisi nella trequarti ospite e non riescono a creare particolari grattacapi alla difesa dello Spezia. In pratica dopo qualche attacco poco incisivo e molto confusionario termina la prima frazione. 

Secondo tempo

Squadre che rientrano in campo con gli stessi ventidue che hanno terminato la prima frazione. La Salernitana attacca alla ricerca del pareggio. Rossi spinge sulla fascia, al 54’ mette la palla dentro, interviene Gabionetta calciando di destro, palla che termina sull’esterno per la rete. Mister Torrente passa dal 4-3-3 al 4-2-4 inserendo Troianiello rischiando il tutto per tutto già al 62’. Al 69’ Colombo crossa dalla destra, Gabionetta non ci arriva, palla che giunge ad Eusepi che conclude verso la porta di Chichizola che blocca. I padroni di casa provano in maniera poco lucida e confusionaria a mettere in difficoltà i liguri che cercano di sfruttare gli errori dei granata o di colpire in contropiede. Errore che arriva al 30’ con Schiavi che sbaglia in disimpegno e Spezia che riparte immediatamente, Kvrzic serve Catellani, conclusione deviata da Terracciano.  Al 37’ cross di Gabionetta, tagliato al centro, inserimento da dietro di Bovo che conclude di testa, ma para l’estremo difensore ligure. Capovolgimento di fronte. Triangolo tra Calaiò e Catellani, che si ritrova solo davanti a Terracciano e conclude rasoterra. Palo interno e rete, Spezia che ottiene così il doppio vantaggio. I padroni di casa reagiscono ed un minuto dopo, su una conclusione di Eusepi, tocco di mani di Juande, per l’arbitro Saia è rigore. Sul dischetto si presenta lo stesso Eusepi che spiazza Chichizola ma la palla sbatte contro il palo ed esce. Termina qui in pratica la gara e dopo 4 minuti di recupero arriva il fischio finale dell’arbitro.

Salernitana (4-3-3): Terracciano; Colombo, Schiavi, Lanzaro (39′ pt Trevisan), Rossi; Bovo, Pestrin (17′ st Troianiello), Sciaudone; Gabionetta, Coda (7′ Eusepi), Donnarumma. A disposizione: Strakosha, Empereur, Pollace, Franco, Perrulli, Odjer. Allenatore: Torrente

Spezia (4-3-3): Chichizola, Milos, Postigo, Terzi, Migliore; Juande, Brezovec (11′ st Jon Errasti); Kvrzic, Canadija, Situm (22′ st Catellani); Calaiò (43′ st Nenè). A disposizione: Sluga, Valentini, Acampora, Catellani, Rossi, Martic Misic. Allenatore: Bjelica.

Arbitro: Saia della sezione di Palermo

Collaboratori di linea: Alessandro Raparelli e Stefano Del Giovane della sezione di Albano Laziale

Quarto uomo: Daniele Martinelli della sezione di Roma 2

Rete: 14′ pt Brezovec, 37′ st Catellani

Ammoniti: Pestrin, Migliore, Gabionetta, Calaiò, Situm, Milos, 

©Riproduzione riservata