Il cuore del Cilento in piazza a Vallo della Lucania per rendere omaggio a Parigi

«Il silenzio è più assordante del fragore delle bombe»: è da questo pensiero che Antonio D’agosto invita quanti vogliano unirsi a lui in piazza Vittorio Emanuele a Vallo della Lucania. Questa sera alle ore 20 è prevista infatti una silenziosa manifestazione «come costruttori e testimoni di pace». «Amici, figli e compagni abitano il mondo e noi dobbiamo capire cosa ci succede intorno ed essere portatori di pace – ha spiegato D’agosto, organizzatore della manifestazione, al giornale del Cilento -. Dovremmo capire che l’affettività è la chiave vincente per costruire un mondo pacificato e che il diverso è un valore aggiunto. Il silenzio il distacco da ciò che succede intorno a noi non aiuta e non aiuta nemmeno l’intellettualismo cibernetico, bisogna tornare ai veri sistemi affettivi, guardarsi negli occhi e dialogare, dire ciò che si pensa senza paura e senza lasciarci inghiottire nel paravento della quotidianità».

D’Agosto vuole sottolineare come il terrorismo moderno non abbia colpito solo Parigi, ma tutti indistintamente. «Forse è giunto il momento di rivedere i nostri principi e le nostre visioni del mondo. Il vecchio e caro dialogo tra popoli va recuperato e vanno combattuto tutti i tipi di discriminazioni, l’IS non uccide solo a Parigi uccide anche la sua gente, sono dei criminali – silenzio e pensieri di pace sono necessari -. Sicuramente è complicato riflettere e lavorare a costruire un mondo migliore, ma va fatto con pensieri nuovi e senza ideologismi, questo è un dovere. Lottare insieme a tutte le persone che vogliono un mondo pacificato è un dovere, per questo stasera spero ci sia solo il silenzio e la canzone di Imagine»

©Riproduzione riservata