Maltempo: nel Salernitano strade, case allagate e smottamenti

Situazione critica nel salernitano per le forti piogge che dalla scorsa notte stanno interessando diverse localita’ della provincia. A Salerno strade e case allagate nella zona industriale dove in alcuni punti su via San Leonardo e via Fangarelli il livello dell’acqua supera anche un metro di altezza. Chiusa la metropolitana cittadina per gravi allagamenti alla stazione stadio Arechi, dove e’ stato interdetto alla circolazione anche il sottopasso che collega stadio comunale e ospedale Ruggi. A Pontecagnano allagati sottopassi, in particolare in via Torino, dove e’ stato soccorso un automobilista cardiopatico rimasto in panne mentre percorreva la strada. Situazione critica nell’agro nocerino sarnese dove si registrano strade allagate e smottamenti. A Scafati centro cittadino invaso dall’acqua. A Sarno una frana in via Bracigliano sta impegnando da diverse ore vigili del fuoco e forze dell’ordine. Sono almeno 70 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco per allagamenti in provincia e nel capoluogo.

Gli interventi della Protezione civile Numerosi gli interventi dei volontari del nucleo comunale Protezione civile di Salerno che, in alcune situazioni, sono stati allertati dalla sala radio dei vigili urbani. In particolare, i volontari sono stati impegnati in via Ligea, a causa dello scoppio di alcuni tombini. La sala radio della polizia municipale ha poi allertato i volontari per intervenire nei pressi del sottopassaggio di San Leonardo, reso impercorribile dalla pioggia battente. A Fuorni, invece, i tombini allagati hanno causato non pochi disagi alla circolazione. Stessa situazione anche per la stazione metro di San Leonardo dove sono caduti ben 50 centimetri d’acqua. La situazione più preoccupante si è registrata nei pressi dello stadio Arechi dove i volontari della protezione civile, con l’ausilio dell’Humanitas, sono intervenuti un’abitazione sommersa da acqua e fango. Tre le squadre di protezione civile scese in strada ieri, nonostante le pessime condizioni meteo, con l’ausilio di due mezzi. Il coordinatore Giovanni Zevolino, per tutto il termine delle operazioni, terminate all’incirca verso le 2 del mattino, si è tenuto in continuo contatto con la sala radio dei vigili, il delegato alla protezione civile Augusto De Pascale e il responsabile dell’area emergenze, Roberto Nobile.

©Riproduzione riservata