Terremoto nel golfo di Policastro, tre scosse in meno di un’ora

Sono tre le scosse di terremoto avvertite nel territorio a Sud del Cilento subito dopo la mezzanotte di giovedì. Un terremoto di magnitudo 2.4 è stato registrato alle 23:59 dalla rete sismica nazionale dell’Ingv nel distretto sismico del golfo di Policastro. L’altra scossa, della stessa magnitudo, è stata registrata a mezzanotte e mezza. La profondità dell’epicentro della prima è a 9.5 chilometri, la seconda a 10. Entrambi terremoti sono stati avvertiti anche a Morigerati, Roccagloriosa, Caselle in Pittari, Casaletto Spartano e in Basilicata, a Maratea e Acquafredda. L’Ingv ha registrato tra il primo e secondo terremoto anche una terza scossa, di magnitudo 1.5 nello stesso distretto sismico. Non ci sono finora segnalazioni di danni a persone o cose.

L’ultimo evento è stato registrato dall’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia nel distretto del golfo di Policastro mercoledì mattina. Alle 11.15 un terremoto di magnitudo 2.1 è avvenuto a largo di Villamare, Capitello e Vibonati. I comuni entro i 10 chilometri interessanti al lieve movimento tellurico sono Ispani, San Giovanni a Piro, Santa Marina e Vibonati. Nelle ultime settimane comunque il Cilento è stato interessato da più scosse. Tra mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio uno sciame sismico ha messo in allerta l’alto Cilento con scosse anche di 3.7 di magnitudo. Il 26 gennaio invece un terremoto marino di 3.1 gradi ha risvegliato vecchi timori legati ai due vulcani sottomarini Marsili e Palinuro, perché la scossa è stata registrata a poca distanza dai vulcani. Altre due scosse di terremoto di bassa intensità il 30 gennaio tra Capaccio e Roccadaspide e il 13 febbraio a Capaccio.

©Riproduzione riservata

Twitter @MariannaVallone