Stipendi giunta Vallo della Lucania, Ruocco chiede gli atti. Miraldi: «Con me in giunta indennità più basse»

Le indennità spettanti agli uomini della giunta di Vallo della Lucania sono ancora il tema caldo della cittadina del Cilento. Per questi motivi, Dino Ruocco ex presidente di ‘LeAli per Vallo’ e componente della commissione di garanzia e del direttivo provinciale del Pd, ha protocollato presso gli uffici del comune di Vallo della Lucania la richiesta di accesso agli atti inerenti la determinazione delle indennità di funzione dal 2000 ad oggi, ovvero gli stipendi percepiti dalla giunta negli ultimi 14 anni: «Sono certo che lei – scrive Ruocco al sindaco Antonio Aloia –, nel far emergere la verità, mi darà la sua disponibilità ed un rapido accesso ai documenti richiesti».

Miraldi Della vicenda riguardanti le indennità a Vallo della Lucania vuole vederci chiaro anche Pietro Miraldi: «Vorrei fare un richiamo simpatico a Dino Ruocco. La 18esima domanda, la più importante non l’ha fatta. Cioè chiedere a qualche membro della giunta attuale se negli anni scorsi hanno percepito l’indennità senza la riduzione al 50% in quanto dipendenti non in aspettativa. Se così fosse, e paragonando gli importi dei vari anni sembra di si, è una cosa molto grave. Amministrare non l’ha ordinato il medico».

Miraldi, nel frattempo, fa chiarezza sulla sua posizione: «Come si evince dalle tabelle pubblicate, negli ultimi anni, proprio nel periodo in cui ho svolto la funzione di assessore alle politiche economiche, il comune di Vallo della Lucania ha speso meno per le indennità. Ricordo che per quanto mi riguarda la mia indennità era di circa 220€ al mese.

LEGGI ANCHE:
E’ scontro tra sindaco Aloia e Pd sulle indennità
La polemicha sugli stipendi dell’amministrazione Aloia arriva su Facebook

©Riproduzione riservata
Twitter @BiagioCafaro