• Home
  • Politica
  • Tribunale Sala Consilina, il Pd rifiuta le dimissioni di Marco Mea

Tribunale Sala Consilina, il Pd rifiuta le dimissioni di Marco Mea

di Biagio Cafaro

Le dimissioni di Marco Mea, segretario del circolo Pd di Teggiano, sono state rifiutate dal presidente Salvatore Chirico. Mea aveva presentato le dimissioni in seguito alla vicenda della chiusura del Tribunale di Sala Consilina: «Le dimissioni sono state motivate e legate all’insuccesso del Tribunale di Sala Consilina – ha spiegato Mea – dove, sicuramente, non tutte le colpe sono del partito di cui sono stato segretario fino al 14 settembre. Io però solo con il PD posso prendermela, non ho diritto di critica negli altri partiti e questo è semmai il problema di altri».

Il presidente del partito democratico della città di Teggiano spiega così la non accettazione delle dimissioni: «Il tuo – scrive Chirico a Mea – è stato un gesto di coraggio, di stima e di rispetto per il Vallo di Diano, un territorio  dove tanti giovani hanno deciso di vivere e dare il loro contributo socio-politico per lo sviluppo e per una crescita economica compatibile e calibrata  in modo che  possano coesistere gli interessi di  tutti».  

«Che il tuo esempio doveva essere un motore per tutti gli altri coordinatori cittadini – continua Chirico nella lettera a Mea – ed anche per tutte le autorità politiche che in questo momento rappresentano l’area di competenza del Tribunale di Sala Consilina. Questo momento, infatti, poteva rappresentare l’occasione per mostrare la forte volontà di dissenso e di prova di forte disappunto allo scippo che abbiamo subito, a cui ciascuno di noi ha assistito ma che rafforza in ognuno di noi la volontà di unirsi affinché eventi come questo, di mortificazione del territorio, non si verifichino mai più».

«In questi giorni ha avuto modo di parlare con tanti sostenitori e simpatizzanti del partito democratico – conclude Chirico – nonché gli amministratori comunali della città di Teggiano iscritti al Pd, tutti mi hanno invitato a parteciparti in forma scritta e senza nessuna equivocità, che le dimissioni presentate al partito democratico non saranno mai accettate».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019