81 milioni per bonificare 25 ex discariche nel salernitano: ecco quali nel Cilento

Ci sono anche 25 siti della provincia di Salerno, e in particolare del Cilento, nell’elenco delle ex discariche comunali non più in esercizio che saranno bonificate dalla Regione Campania. Lo ha annunciato il consigliere regionale, Giovanni Fortunato, con delega per i temi attinenti alla programmazione economica e coesione territoriale dei piccoli comunali del territorio campano. Tra le ex discariche del Cilento ci sono i siti di Agropoli, Ascea, Cannalonga, Castellabate, Celle di Bulgheria, Futani, Giungano, Laureana Cilento, Montano Antilia, Montecorice, Novi Velia, Ogliastro Cilento, Oliveto Citra, Roccagloriosa, Rutino, Salento, San Mango Piemonte, Santa Marina, Sapri, Sessa Cilento, Stella Cilento, Torchiara, Torre Orsaia, Tortorella e Vallo della Lucania.

«Un risultato importante per il nostro territorio – ha commentato Fortunato – la Regione ha messo a disposizione per 81 milioni di euro per bonificare ben 61 siti in tutta la Campania. L’ennesima dimostrazione dell’ottimo lavoro che il governo Caldoro sta portando a termine tra mille difficoltà». Dunque, ottantuno milioni per bonificare e recuperare le 61 ex discariche comunali non più in esercizio già inserite nell’Anagrafe del Piano Regionale delle Bonifiche poiché hanno determinato un’accertata contaminazione delle matrici ambientali dei rispettivi siti.

«Saniamo ferite profonde – ha ribadito il presidente della Regione Stefano Caldoro – nate da anni di incuria e distrazioni. Andiamo avanti con i fatti. Non è facile ed il percorso, lo ricordo sempre, è molto lungo. Ma quello che ha messo in campo questa giunta sull’ambiente, fra risorse e programmazione, non ha precedenti nella storia dell’Ente».

©Riproduzione riservata