Raccolta differenziata al 63%, dieci in più rispetto a stesso periodo nel 2013

La raccolta differenziata si attesta al 63% circa di media dall’inizio dell’anno, con un miglioramento di oltre il 10% sullo stesso periodo dello scorso anno. Tuttavia, ci sono ancora notevoli margini di miglioramento e l’amministrazione comunale, come grande parte della comunità, punta a raggiungere e superare il 65%. Succede a Capaccio Pestum, dove per favorire il processo di sensibilizzazione di cittadini, imprese e ospiti o non residenti, dall’inizio dell’estate sono in corso una serie di controlli specifici. Nell’ambito di questi, tra venerdì e sabato scorso è stata condotta un’azione di prevenzione che ha interessato tutta la fascia costiera, cui hanno preso parte la Polizia locale e le Guardie Ecozoofile di FareAmbiente. 

«Nel corso della notte sono stati effettuati oltre cinquanta controlli sulla raccolta differenziata presso attività produttive e ricettive e altre decine presso abitazioni e condomini – precisa l’assessore Eustachio Voza. La percentuale di sanzioni comminate (33) rispetto ai controlli rispecchia l’andamento positivo dei dati, ma si può e si deve ancora migliorare. In ogni caso, è importante sottolineare come non si tratti di azioni meramente repressive. Appena cominciato col nuovo sistema di raccolta differenziata abbiamo ridotto le sanzioni da 500 € a 150 €, con un meccanismo progressivo, rendendo il sistema di controllo più equo ed efficace, perché aiuti nella costruzione di una più forte, radicata e diffusa coscienza ambientale anziché essere solo punitivo».

«Un ulteriore miglioramento della percentuale di differenziata permetterà di abbattere i costi di smaltimento, che sostengono tutti i cittadini, e contribuirà a  migliorare ancora la qualità ambientale e di vita a Capaccio Paestum, aumentandone anche l’attrattività per i turisti – sottolinea il sindaco Italo Voza». «Sappiamo quali maggiori difficoltà possano esservi per imprese turistiche e ricettive alle prese con i rifiuti, perciò vanno rimarcati i buoni risultati da queste ottenuti come le buone pratiche presenti sul territorio, con la consapevolezza che dobbiamo tutti migliorare il migliorabile per puntare più in alto. Il 63% di differenziata e 750 tonnellate di rifiuti indifferenziati in meno sono un ottimo inizio, ma ora occorre interlocuzione serrata e reciproco impegno da parte dell’Ente e delle imprese, nel rispetto della nostra comunità, delle generazioni future e di ospiti e turisti che scelgono Capaccio Paestum – conclude l’assessore Eustachio Voza».