Presunta minaccia di cimurro al canile di Torre Orsaia, sospesi accessi e affidi

Infante viaggi

Potrebbe essere stato il cimurro a causare il decesso dei cani che vivono nel canile di Torre Orsaia. Dopo l’esposto denuncia del sindaco di Sapri Giuseppe Del Medico, che aveva chiesto assicurazioni agli enti competenti sulle buone condizioni del canile comprensoriale della comunità montana Bussento Lambro e Mingardo, il dirigente del servizio associato per la gestione del canile ha comunicato la sospensione delle attività di accesso e di affido fino a conclusione dell’indagine epidemologica.

«Ci aspettiamo una immediata risposta a tutela del benessere degli animali ospitati, anche in considerazione che a pagare la gestione sono i Comuni. Nei prossimi giorni i vigili del Comune di Sapri faranno un sopralluogo alla struttura, congiuntamente ai volontari che hanno segnalato le problematiche», aveva tuonato Del Medico dopo la segnalazione di una cittadina sulle condizioni e le modalità di ricovero dei cani presso la struttura di Torre Orsaia.

«Si presume che sia il cimurro ad aver causato il decesso di molti cani presenti nella struttura», fa sapere il dirigente Pietro D’angelo con una nota inviata all’Asl e ai primi cittadini del comprensorio. «Ma da quando è stata inaugurata la struttura, e cioè dal 2006, non si è mai verificata un’epidemia del genere».

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata

Sapri, sindaco Del Medico chiede verifica sulla gestione del canile di Torre Orsaia

  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi