“Se non ora quando – Vallo di Diano”: donne in sciopero il 25 novembre

Infante viaggi

Quest’anno la “Giornata internazionale contro  la violenza alle donne” che si terrà il 25 novembre si connota per un’iniziativa comune, lo “Sciopero delle donne”.  

«Se in Italia ogni due giorni ne è uccisa una, è evidente che non si tratti di una questione di ordine pubblico, ma una ferita aperta nella società civile – fa sapere il comitato “Se non ora quando – Vallo di Diano –. Lucia, Antonella, Maria Grazia, tanto per citare le ultime della lista, sono state ammazzate dall’ex fidanzato, dal marito e dal compagno nei giorni successivi al decreto varato dal governo il 9 agosto scorso. Sempre più la luttuosa realtà ci prova come misure soltanto repressive non siano la soluzione del problema, perchè il femminicidio non ha natura emergenziale bensì sistemica».

«Per questo occorrono, e con urgenza, iniziative di sensibilizzazione e prevenzione, finanziamenti ai centri antiviolenza, campagne istituzionali e mediatiche che mettano al bando ogni giustificazione e sottovalutazione del fenomeno – continua il comitato –. E che, soprattutto, favoriscano la percezione delle donne non come vittime e soggetti deboli bisognosi di tutele, ma persone in grado di autodeterminarsi e scegliere liberamente il proprio modo di vivere».

«Lo “Sciopero delle donne” – informa “Se non ora quando – Vallo di Diano – va nella direzione di pretendere dalle istituzioni, dai mass media e dalla società tutta che si facciano carico della quotidiana ed inesorabile furia omicida contro le donne, che non accenna neanche per un giorno a fermarsi perché frutto di una cultura violenta e sessista».

Per quanto riguarda le modalità, lo “Sciopero” si articolerà su tre azioni congiunte e/o separate, l’una non esclude le altre:

  • Vea ricambi Bellizzi

1. Lenzuola e/o pezzi di stoffa rossi esposti dai balconi e/o dalle finestre

2. 15 minuti di silenzio, in piedi, interrompendo qualunque attività di lavoro si stia svolgendo

3. Manifestazioni territoriali organizzate localmente.

«L’idea è quella di stare dentro il 25 novembre , ma in un modo completamente diverso dal solito – fa sapere il comitato “Se non ora quando – Vallo di Diano –. Diciamo in un modo più attivo e visibile come “scioperanti”: non solo per far cadere l’attenzione sul femminicidio, a cui pare che l’opinione pubblica si sia irrimediabilmente rassegnata,  ma, soprattutto, per allontanare da noi l’immagine di vittimismo che il tema, purtroppo, sottintende. Non a caso abbiamo scelto la parola “Sciopero”, e cioè una forma di protesta altamente sociale e politica di autotutela con l’obiettivo di esercitare pressioni sulla “controparte”, ossia la Politica. Siamo difatti dell’opinione che le donne non debbano più essere uccise, maltrattate, offese perché libere e padrone della loro vita, né in Italia né altrove, e che occorrano azioni forti e congiunte come questo “Sciopero” per  iniziare tutte/i insieme a fermare la cultura della violenza». 

  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro