Nasce a Sapri un centro per le donne e i bambini vittime di violenza e maltrattamenti

Sarà realizzato a Sapri un centro antiviolenza per donne e bambini vittime di abusi e maltrattamenti. Il progetto, presentato dal comune di Sapri, come capofila dell’ambito S9 del Piano di zona, è stato approvato nei giorni scorsi dalla direzione generale Politiche sociali, culturali, pari opportunità e tempo libero. 

La realizzazione del progetto, del valore complessivo di 60mila euro, prevede la creazione di un centro che dia supporto e aiuto alle donne vittime di violenza o di stalking e ai bambini. Le attività fondamentali svolte saranno quelle di prevedere una particolare attenzione al primo contatto con la donna vittima di violenza o maltrattamento, vissuti spesso per molti anni nel segreto e nel silenzio dando risposta ai suoi bisogni di ascolto, accoglienza, empatia e sostegno nello svelamento del maltrattamento.

«Siamo molto soddisfatti – ha commentato il sindaco Giuseppe Del Medico – l’approvazione del nostro progetto dimostra che si possono costruire “buone” politiche sociali attraverso la con.certazione e il confronto, con un coinvolgimento ampio di tutti i soggetti (asl, comuni, associazioni, terzo settore, forze dell’ordine…) sottoscrittori del protocollo d’intesa per la costituzione della rete territoriale di ambito per il contrasto alla violenza di genere e agli stereotipi»

E’ prevista l’attivazione della “Rete Territoriale”, spazio di confronto tra tutti i componenti per definire le attività finalizzate a dare una adeguata risposta alla necessità di: definire le modalità di raccolta dei Dati e di periodici confronti, confrontare le rispettive modalità operative per ottimizzare le risposte, mettere a conoscenza di tutti gli operatori del Protocollo la rete a supporto delle donne per poter indirizzarle con competenza ai diversi servizi, per avviare adeguate ed efficaci risposte e favorire la costituzione di case rifugio e centri antiviolenza nell’Ambito territoriale S9/Distretto Sanitario 71.

©Riproduzione riservata