Camerota, spiaggia Calanca: guardia costiera multa proprietari stabilimenti balneari

Infante viaggi

Eccoli che arrivano, sono i primi provvedimenti della guardia costiera nei confronti dei titolari dei lidi lungo la spiaggia della Calanca di Marina di Camerota. Quel tratto di litorale è finito più volte sulle prima pagine della cronaca locale. A detta di cittadini e turisti «non si rispetterebbero molte regole». La denuncia è partita dall’Adiconsum Cisl Salerno e in seguito alla segnalazione sono scattati i controlli della guardia costiera dell’ufficio circondariale di Marina di Camerota agli ordini del comandante Amleto Tarani. I marinai hanno multato quattro titolari di lidi balneari che non avevano rispettato l’ordinanza comunale che obbliga a lasciar libero da ombrelloni ed altro l’intero bagnasciuga. Sotto la lente d’ingrandimento dell’Adiconsum,  c’è il sindaco di Camerota che, sempre secondo l’Adiconsum, avrebbe affermato in un’intervista che «il disagio subito dagli abitanti che frequentato la spiaggia della Calanca sarebbe conseguenza dell’erosione delle spiagge». «Se tale dichiarazione dovesse rispondere a verità, la situazione assumerebbe dimensioni bizzarre – ha spiegato Antonio Galatro, responsabile dell’Adiconsum Cisl Salerno -Il sindaco, nel caso che ci interessa e ai fini della tutela dei diritti dei cittadini, deve ridistribuire il demanio marittimo sull’attualità delle superfici rispettando le percentuali imposte dalle norme di riferimento, cosa che, viceversa, pare non sia stata fatta. Abbiamo segnalato che ci sarebbero degli esercenti che pare occupino abusivamente parte della spiaggia con ombrelloni e pedalò. Questi ultimi poi, pare, che impediscano addirittura il passaggio dei cittadini che intendono passeggiare sulla spiaggia e il bagnasciuga. È stato anche segnalato che non è rispettata la distanza dei dieci metri di spazio soprastante il cosiddetto “Vallone”, sì da creare anche una situazione di pericolo. Il tutto, anche in violazione del “Regolamento per il rilascio di concessioni dei beni del demanio comunale e marittimo” del Comune di Camerota». «L’Adiconsum di Salerno – conclude Galatro – chiede che si accertino le eventuali violazioni denunciate e che, nel caso, oltre a inoltrare gli atti alla competente Procura della Repubblica, venga predisposta la rimozione di ombrelloni e pedalò, sia per evitare situazioni di pericolosità, sia per concedere ai residenti di usufruire della spiaggia e del bagnasciuga». 

  • Vea ricambi Bellizzi

©Riproduzione riservata
In basso le foto dell’operazione della guardia costiera. Foto Luigi Martino 

  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro