Cilento, misteriose scie nel cielo: ecco il colpevole

Infante viaggi

I tracciati del simulatore SatFlare parlano chiaro. A precipitare nei cieli italiani, la scorsa notte, è stato il terzo stadio della navicella Soyuz MS-8 partita il 21 marzo dal cosmodromo di Bayqoñyr in Kazakistan ed attraccata alla ISS (International Space Station) lo scorso venerdì. Il Giornale del Cilento ha ricevuto conferme anche dall’osservatorio Exoss Citizen Science Project, composto da un gruppo di astronomi professionisti ed amatori, situato in brasile. 

  • assicurazioni assitur

Il terzo stadio, del peso di circa 2400 chili, è entrato nell’atmosfera intorno le 3.15 producendo un forte bagliore dovuto alla ionizzazione delle particelle che compongono l’atmosfera terrestre. L’oggetto si è disintegrato prima di raggiungere il suolo, come previsto. Non è la prima volta che si registrano fenomeni di questo tipo a causa dell’aumento dei lanci di questi ultimi anni. Da quando lo Space Shuttle è andato in pensione la navetta Soyuz è il principale mezzo trasporto che collega la stazione spaziale internazionale con la terra.  

assicurazioni assitur

Video: attracco della Soyuz MS-8 alla stazione spaziale internazionale