Spostato nido della tartaruga ad Ascea, era a rischio mareggiata

È stato spostato ieri sera il nido che una tartaruga ha deposto il 31 luglio ad Ascea. Una mareggiata lo scorso ferragosto ha infatti parzialmente allagato il nido mettendo in pericolo i futuri cuccioli. Prima di poter effettuare questa delicata operazione si è dovuto aspettare almeno 22 giorni dalla data di deposizione per poter maneggiare le uova con il minor rischio possibile per gli embrioni. Il nido è stato spostato di 25 metri verso l’interno della spiaggia per garantire l’incolumità delle ben 57 uova. La manovra, effettuata dagli esperti, ha permesso, oltre a  constatare il numero delle uova, di posizionare dei sensori nel nuovo nido e di calcolare approssimativamente la data della schiusa. I volontari della Protezione animali hanno collaborato allo spostamento del nido e si continuerà con le registrazioni della temperatura nei giorni successivi. Presenti, inoltre, il sindaco D’Angiolillo e l’assessore all’ambiente, che si sono resi disponibili per la parte logistica della gestione del nido. 

©Riproduzione riservata