Un ‘Piano di emergenza’ per il Cilento e Vallo di Diano

Un ‘Piano di emergenza’ per il Cilento e Vallo di Diano è quello che propone il Partito democratico di Vallo della Lucania «in considerazione della grave emergenza causata dal dissesto della rete viaria del nostro territorio e del conseguente isolamento». Così il circolo vallese del Pd propone, come capofila, insieme a tutti i soggetti pubblici e privati cittadini che sottoscriveranno il documento, il Piano di emergenza per il territorio del Cilento e Vallo di Diano da sottoporre al Consiglio dei ministri per l’emanazione di un provvedimento del Governo attraverso il quale, previa dichiarazione dello ‘Stato di emergenza’ si decreti a favore delle popolazioni interessate su 4 punti:

Le richieste Innanzi tutto niente tasse fino a che non venga risistemata la rete stradale: «Sospensione del pagamento di tutti i tributi statali, dei termini di pagamento di cartelle esattoriali e del bollo auto sino al ripristino della normale situazione viaria». 
Quindi la sospensione del pagamento di rate per mutui bancari ottenuti per la propria famiglia, azienda, imprese durante il periodo di emergenza.
La terza misura è indirizzata al turista: il rimborso a spese dello stato dei trasfert (metrò del mare – treno) per i turisti che dimostreranno un soggiorno di minimo 3 notti in una struttura ricettiva del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.
La elaborazione, infine, di un piano di collegamento straordinario permanente (eli-ambulanza) per l’emergenza sanitaria da attivarsi nei mesi estivi.

Il Pd vallese invita, tra gli altri, anche la Regione Campania, la Provincia di Salerno e tutte le istituzioni interessate a far proprio, condividere e sostenere il ‘Piano di emergenza’: «Sostieni il piano di emergenza a favore del nostro territorio inviando una mail con le generalità a emergenzacilento.pdvallo@gmail.com».

©Riproduzione riservata
Twitter @BiagioCafaro