Delitto prostituta di Polla, in manette colpevole ucraino: riconosciuto grazie alla bicicletta

Un delitto in piena regola quello che si è consumato nella notte tra domenica e lunedì al secondo piano di una palazzina nel centro storico di Polla. Ma sono bastate 12 ore agli inquirenti per dare un nome all’autore dell’efferato omicidio di via Porta del Bagno nel quale una donna, Olena Tonkoshkurova, 50enne di nazionalità ucraina, è stata sgozzata nel suo appartamento poi dato alle fiamme. I carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Salerno, in collaborazione con i colleghi della compagnia di Sala Consilina e alla Procura locale diretta da Amato Barile, hanno risolto il caso grazie ad una bicicletta. In pratica, gli inquirenti, dopo aver sentito una cinquantina di persone, hanno visionato i video di sorveglianza delle telecamere di alcuni esercizi commerciali situati nei pressi del luogo dell’omicidio.

Un particolare li ha insospettiti. Dalla visione, infatti,  hanno notato intorno alle ore 02.40 un giovane a bordo di una bicicletta che percorreva a forte velocità la strada principale di Polla. E’ stata la conoscenza del territorio da parte dei militari della stazione locale a consentire di individuare un giovane ucraino, solito usare una bicicletta con le stesse caratteristiche  di quelle evidenziate dalle telecamere. Le ricerche, alle quali hanno partecipato oltre 40 carabinieri, hanno consentito di individuare sia il giovane ucraino che la bicicletta. Il giovane è stato condotto in caserma e sottoposto a lungo interrogatorio da parte dei carabinieri del reparto operativo e dal magistrato.

Ha confessato tutto. L’uomo ha ammesso le proprie responsabilità in merito all’efferato delitto. In particolare, l’uomo ha riferito di conoscere la donna e di avere bevuto a casa sua del vino e della birra la sera dell’omicidio. Dopo aver alzato troppo il gomito e dopo aver avuto un rapporto sessuale con la donna, i due hanno litigato per motivi banali e l’uomo, ha afferrato un coltello da cucina e l’ha sgozzata. Poi si è lavato, ha appiccato il fuoco all’appartamento, forse per nascondere le tracce, e si è dato alla fuga con una bicicletta. L’ucraino è stato arrestato condotto al carcere di Sala Consilina a disposizione della locale Procura.    

©Riproduzione riservata

Leggi anche: Omicidio massaggiatrice di Polla, fermato giovane ucraino e Giallo a Polla, scoperto cadavere di donna con tagli alla gola