• Home
  • Cronaca
  • Pesca e acquacoltura: doppio appuntamento per valorizzare il pescato made in Italy

Pesca e acquacoltura: doppio appuntamento per valorizzare il pescato made in Italy

di Marianna Vallone

Due giorni dedicati alla pesca in provincia di Salerno. L’evento è promosso da Coldiretti Impresa Pesca, nell’ambito dei progetti del Ministero delle Politiche agricole per il piano triennale della Pesca e Acquacoltura. Venerdì 28 Febbraio e sabato 1 marzo gli operatori di tutta la Campania si riuniranno per un momento di confronto e dibattito sulle tematiche afferenti il settore. Il 28 febbraio l’appuntamento è, dalle ore 10.00, presso il Centro Congressi Salerno Incontra (Camera di Commercio – via Roma) mentre l’1 Marzo la convention si sposterà ad Agropoli (ore 9.00) presso l’aula consiliare del Comune. Saranno coinvolti tutti gli attori della filiera ittica campana per approfondite le regole in materia di tracciabilità e identificazione dei prodotti ittici sia della pesca sia dell’acquacoltura. Tra gli argomenti anche quello legato alla necessità di individuare nuove tecnologie da utilizzare sia a bordo dei pescherecci, sia a terra, migliorando il processo di trasformazione e commercializzazione del prodotto, al fine di renderlo più appetibile sul mercato ed arginare così l’ingresso di prodotti importati a favore del pescato Made in Italy. L’obiettivo è di individuare strategie per tutelare un prodotto di eccellenza della provincia di Salerno con il giusto riconoscimento, da parte dei consumatori, anzitutto rendendo trasparente il luogo di provenienza del pesce e assicurando una lavorazione e una presentazione adeguata del prodotto alle richieste di mercato. Agli incontri interverrà il responsabile nazionale di Coldiretti Impresa Pesca, Tonino Giardini.

©

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019