Incidente Cilentana, giovane 25enne lotta tra la vita e la morte

È quasi passata una settimana da quel tragico lunedì che ha scosso due famiglie, qualche giorno prima del Natale. Il 21 dicembre scorso, intorno le 8 di mattina tra Prignano Cilento e Perito, il violento impatto tra una Bmw X1 nera e una Citreon C3 ha ferito un padre (A.C.  originario di Ascea) con i suoi due figli (un maschietto e una femminuccia) ed una giovane studentessa universitaria (P.E. originaria di Casal Velino Scalo), bloccando la strada per oltre un’ora.

Tra la vita e la morte Questa è la lotta che da 6 giorni porta avanti la giovane 25enne universitaria che lunedì mattina stava andando a consegnare la sua tesi all’università. Questo a quanto raccontano fonti vicine agli ambienti ospedalieri. I vigili del fuoco del distaccamento di Vallo della Lucania hanno impiegato più di 30 minuti per salvarla dalle lamiere. La ragazza avrebbe un polmone collassato, il bacino fratturato, almeno tre ematomi alla testa assieme a diverse altre lesioni. Passano i giorni ma la ragazza continua a perdere sangue, solo mercoledì 23 dicembre sono servite 6 sacche e sui social sono subito scattati gli appelli a tutti i donatori. Operata al bacino nei giorni scorsi ora la sua situazione sembra stabile. Tenuta ancora sotto osservazione è in coma farmacologico.

Nulla di grave invece per il padre e i suoi due figli di 7 e 10 anni che viaggiavano a bordo della Bmw nera. I tre sono stati portati in ospedale ma dimessi in poco tempo. Solo la bambina di 10 anni è rimasta qualche giorno in più a letto. Molti invece i test a cui è stato sottoposto A.C. per accertare che al momento del disastroso incidente non fosse sotto effetto di sostante stupefacenti, psicotrope o alcol ma tutte le analisi sono risultate negative.

©Riproduzione riservata