A Vallo tutto pronto per il ‘Question time’. Ruocco annuncia il ‘patto di Vallo Della Lucania’

Come già annunciato dal circolo Pd di Vallo Della Lucania venerdì 31 luglio arriva il ‘question time’. Alle ore 19.30 presso il cortile esterno dell’ex convento dei domenicani in via Rinaldi. Sarà il primo di una serie di incontri improntati alla «Trasparenza». I vallesi hanno avuto modo di inviare i loro quesiti riguardanti l’operato dell’amministrazione Aloia. «Riteniamo che alcune iniziative di democrazia come il ‘question time’ peraltro già adottate da diversi Comuni Italiani, possano rappresentare l’effettiva garanzia di esercizio da parte dei cittadini dei diritti fondamentali anzidetti e nel contempo rappresentare occasione di arricchimento culturale e sociale delle comunità – si legge nell’invito ufficiale – La partecipazione del cittadino alla vita democratica è principio che discende direttamente dal diritto di sovranità popolare e dal diritto di cittadinanza».

«Con la seduta inaugurale e sperimentale del ‘question time’ ha inizio il processo di rivoluzione culturale che abbiamo in mente per la città – spiega ai microfoni del giornale del Cilento Riccardo Ruocco, segretario del circolo Pd di Vallo -. È perfettamente inutile parlare di città moderna se non si creano i presupposti culturali per pensare al concetto di città non come somma di luoghi da riqualificare ed abbellire ma come insieme di persone con esigenze condivise in perfetta sintonia con la visione contemporanea di ‘comunità intelligente’». «Abbiamo chiesto ufficialmente al comune di Vallo della Lucania l’istituzione e l’adozione del ‘question time’ che va considerato un importante strumento di partecipazione che consente ai cittadini, attraverso dei quesiti precisi rivolti agli amministratori, di tenersi informati sui fatti amministrativi che li riguardano e di manifestare la propria insoddisfazione. D’altronde le 31 domande che i vallesi ci hanno inviato ne è una dimostrazione inconfutabile – continua Ruocco che poi incalza -. Nei prossimi giorni proporremo alla segreteria provinciale del Pd di invitare le amministrazioni a guida Pd della provincia di Salerno ad adottare il ‘question time’ nei rispettivi comuni, attraverso la sottoscrizione di intese di programma che sin da ora identifichiamo come ‘patto di Vallo Della Lucania’, e a considerarlo strumento di impegno politico ed elettorale verso i cittadini. Noi siamo pronti».