Incidente Sassano, Baselice (Aicat): «E’ l’ora della giustizia. Senza sconti per nessuno»

«La strage di Sassano non può e non deve rimanere impunita». Ad affermarlo il presidente dell’Aicat (Associazione Italiana Club Alcologici Territoriali), Aniello Baselice, che è intervenuto sul grave incidente che ha portato alla morte di quattro ragazzi nella frazione Silla di Sassano. Il conducente che ha investito i giovani, tra i quali il fratello, è risultato positivo ai test alcolemici. «Se chi ha ucciso i quattro ragazzi dovrà pagare il giusto prezzo per la strage di cui si è macchiato, si impongono alcune considerazioni e domande cui qualcuno deve ancora il coraggio di rispondere: – ha detto – il guidatore è recidivo in quanto coinvolto in un incidente stradale nell’ottobre 2012 in cui ha perso la vita un altro ragazzo.

«Chi ha lasciato o ridato la patente al ragazzo ha verificato la presenza e il livello di gravità di eventuali problemi alcolcorrelati? – si chiede – In caso affermativo, quali prescrizioni sono state date a tutela dell’incolumità e della salute della comunità? Chi gli ha dato da bere o chi l’ha visto bere fino all’ubriachezza e fino a diventare una bomba umana cosa ha fatto per impedirgli di mettersi al volante della BMW in quelle condizioni ? Esistono oltre a quella del ragazzo killer altre pesanti responsabilità etiche e legali che vanno approfondite e di cui occorre rendere conto. E’ ora di finirla di imprecare contro fato avverso. E’ l’ora della giustizia e della verità. Senza sconti per nessuno».

©Riproduzione riservata