Segretario provinciale Pd, i Gd: «Si sa chi vincerà»

Infante viaggi

Le elezioni del nuovo segretario provinciale del Partito democratico sta creando non poche polemiche in provincia di Salerno in merito alle denunce lanciate da Annunziata e Pedace sullo svolgimento dei congressi, financo il ritiro della candidatura dei due.

I Giovani democratici provinciali hanno firmato un documento per esprimere solidarietà a Vincenzo Pedace in relazione ai fatti che stanno accadendo nel congresso del Pd: «Abbiamo aderito all’organizzazione giovanile del Partito democratico perché convinti della necessità di riportare entusiasmo e di riavvicinare al centrosinistra i tanti giovani che non si riconoscono più nel partito. Giovani spesso eletti negli organismi universitari o nei territori. Volevamo coinvolgere anche un’intera generazione che spesso viene dimenticata nelle scelte politiche». 

«Sintesi di questo nostro agire – continuano i Gd – è stata la candidatura a segretario provinciale del Pd di Vincenzo Pedace, fino a pochi giorni fa nostro segretario dei Gd salernitani. La novità di questa candidatura, non solo generazionale, è stata rappresentata pure dalla sua volontà di affrontare il percorso congressuale lasciando il ruolo che ricopriva nella giovanile. Si è trattato di un chiaro segnale di discontinuità con la classe dirigente attuale». «Quest’ondata di aria fresca – spiegano i Gd attraverso il documento – però si è subito scontrata con le solite logiche che governano il Pd, specie in vista degli appuntamenti congressuali. Tutto ciò non può che demolire la sostanza “dell’essere giovani”. Ciò che è stato fatto a Vincenzo Pedace è stato fatto anche a tutti noi e a tutti quei giovani che, in un modo o in un altro, nonostante la crisi ideologica e morale, si sono impegnati  con passione in battaglie per il territorio, la legalità e la democrazia laddove spesso il Pd dei “grandi” è stato latitante».

«Impedire una leale e regolare competizione ad un giovane, spingendolo finanche a ritirare la candidatura, è un fatto di assoluta gravità – si legge nel documento – In un partito con una così precaria agibilità democratica, sempre chiuso nelle sue stanze, perché mai i giovani dovrebbero ancora impegnare il proprio tempo e le proprie (poche) risorse partecipando anche alle primarie per la scelta del segretario nazionale? Che senso avrebbe?

Oggi a Salerno non possiamo più dire “vinca il migliore”. Si sa chi vincerà. Ma non è detto che sarà davvero il migliore».

Di seguito i firmatari del documento:

 

Maddalena Anna Chirico

Direzione nazionale Giovani democratici

Antonio Vassallo

Assessore Comune di Pollica

Carmine G. Parisi

Segretario Gd UniSa

Vito Iuzzolino

Segretario Gd San Gregorio Magno

Anna Raviele

Membro Commissione provinciale Congresso Pd Salerno

Marco Pastore

Assessore Gd del Comune di San Mango Piemonte

Marzia Fasano

Direttivo Pd Vietri sul Mare

Domenico Chirico

Segretario Gd Teggiano

Luca Casciano

Run Salerno

  • Vea ricambi Bellizzi

Giacomo Tortoriello

Segretario Gd Romagnano al Monte

Antonio Morriello

Direzione regionale Gd Campania

Alfonso D’Arienzo

Segretario Gd Vietri sul Mare

Marilina Di Napoli

Delegata nazionale Run Salerno

Cristiano Campitelli

Segretario Gd Bellosguardo

Raffaele Bassi

Direttore circolo Ecodem Salerno

Vincenzo Sansone

Già consigliere di amministrazione Unisa

Gennaro Quaranta

Segretario Gd Castel San Giorgio

Andrea Marino

Direttivo Pd Pellezzano

Mariangela Lepore

Run Salerno

Alessio Cairone

Segretario Gd Battipaglia

Despina Diakanthos

Commissione tesseramento Gd Salerno

  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Lido La Torre Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi