Discarica abusiva in azienda agricola, proprietario nei guai

La capitaneria di porto di Salerno ha ispezionato una nota azienda agricola zootecnica di Pontecagnano. I marinai hanno notato alcuni camion che, da un adiacente cantiere edile vicino ai binari, si recavano con il loro carico di materiali vari presso l’adiacente azienda agricola. Insospettiti hanno fatto scattare i controlli ai terreni. E’ stato così che i militari hanno scoperto che all’interno di un’area di quasi 15 mila metri quadrati era stata realizzata una discarica abusiva dove venivano illegalmente smaltiti rifiuti consistenti in terre e rocce da scavo, miscelate a inerti edili anche di consistenza tufacea, residui di plastica e ferro nonché ingenti quantitativi di deiezioni palabili prodotte dall’allevamento bufalino. I rifiuti hanno determinato la sopraelevazione dell’originario piano di campagna per una altezza variabile che raggiunge gli 8 metri, per un totale di rifiuti presenti nel sito stimabile intorno ai 45 metri cubi. L’area in questione è adiacente al corso del torrente Asa, tant’è che lo scarico dei rifiuti e del terreno ha determinato la distruzione della macchia mediterranea e arbustiva che prima caratterizzava le sue sponde, e gli stessi rifiuti hanno invaso il demanio idrico recapitando – in alcuni punti – direttamente nelle acque del torrente. Il titolare dell’azienda è stato denunciato e, a suo carico, si ipotizzano numerosi reati fra cui la realizzazione e la gestione di una discarica abusiva, la alterazione dell’assetto paesaggistico, la distruzione di bellezze naturali dichiarate di notevole interesse pubblico, l’occupazione abusiva di demanio idrico.