La pedofilia nel web, minori a rischio: esperti a convegno sul reato di grooming a Salerno

Obiettivo del convegno, chiarire e approfondire il tema legato alla pedofilia che usa internet per arrivare ai minori, tema che la legge conosce come grooming. Il reato di grooming, infatti, è proprio l’adescamento in rete dei minori da parte di pedofili che utilizzano internet, prima per adescare, poi per avvicinare sessualmente i minori. Se n’è parlato a Salerno giovedì a palazzo Sant’agostino con un team di massimi esperti, tra i quali la nota criminologa Roberta Bruzzone e l’avvocato Benedetta Sirignano. 

Una piaga sociale, un cybercrime sempre più frequente, che impone una cultura della prevenzione e della sensibilizzazione del fenomeno, non solo tra i professionisti, quali avvocati e magistrati, ma anche tra i docenti di scuole primarie e secondarie, e i genitori. L’evento è stato sponsorizzato dai partner tecnologici iLexos e Bitdrome e organizzato dalla Ami Sezione di Salerno (segreteria organizzativa: avvocato Francesca Campanile) e dalla Onlus italiana Sos vittima.

Ad aprire i lavori, è stata l’avvocato Benedetta Sirignano, responsabile nazionale dell’ufficio legale Sos vittima onlus: «Nell’ultimo decennio, i confini del diritto penale sostanziale italiano si sono notevolmente ridotti, – ha detto – si va sempre più verso un diritto penale sessuale europeo a tutela dei minori la cui intangibilità sessuale è messa a rischio da internet e va preservata». Attesissimo in platea, l’intervento della criminologa Roberta Bruzzone, presidente Sos Vittima Onlus, che ha invece chiuso l’incontro illustrando il fenomeno del ‘sexting’, spesso preliminare al reato di pedofilia online. Illustri i relatori e coloro che sono stati invitati a presentare i saluti, l’avvocato Silverio Sica, presidente della Camera penale di Salerno, l’avvocato Americo Montera, presidente dell’ordine degli avvocati di Salerno, Matteo Casale, presidente Corte di Appello di Salerno, Gerarda Maria Pantalone, prefetto di Salerno, Alfredo Anzalone, questore di Salerno, Giuseppe Canfora, presidente Provincia di Salerno, l’avvocato Benedetta Sirignano, responsabile Ufficio Legale Nazionale Sos Vittima Onlus, l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale Ami, Edmondo Cirielli, segretario ufficio di presidenza Camera dei Deputati, Pasquale Andria, presidente Tribunale per i Minorenni di Salerno, Vincenzo Montemurro, sostituto procuratore della Dda di Salerno, Antonio Frasso, procuratore della Repubblica Tribunale per i Minorenni di Salerno e Roberta Bruzzone, criminologa e presidente Sos Vittima Onlus. Ad introdurre e moderare il convegno è stato l’avvocato Claudio Sansò, presidente Ami sezione di Salerno.

©Riproduzione riservata