Centro Juventus, botta e risposta tra Asl e comitato: Borrelli bacchetta Maiese

Dopo il duro botta e risposta di stamane tra il comitato, le rappresentanze istituzionali e l’Asl, si solleva una cortina di fumo intorno al centro di Vibonati evidenziando «le contraddittorietà degli atteggiamenti». Se il direttore generale Squillante, in una nota, fa sapere l’attenzione dell’Azienda concentrata sulle esigenze del territorio, non autorizzando alcun trasferimento del centro Juventus ad alcuna altra sede, dall’altra gli amministratori comunali fanno fronte unitario per scongiurare ogni risvolto negativo. Di questa idea è Manuel Borrelli, che bacchetta l’atteggiamento del direttore di distretto Adamo Maiese nei confronti del sindaco di Ispani, al quale esprime piena vicinanza. Non risparmia Squillante e chiosa: «Perché, invece di rilasciare comunicati, non convoca ad horas il proprietario del centro insieme al comitato ed ai sindaci del territorio per trovare una soluzione definitiva dando risposte alle persone diversamente abili che non riceveranno alcun tipo di assistenza?». Lo stesso consigliere regionale Donato Pica ha preso parte all’iniziativa di stamane, ascoltando le varie voci della protesta ed evidenziando la necessità di un’audizione in commissione sanità. «È una situazione molto delicata che voglio seguire in prima persona, facendomene portavoce in Regione Campania» ha affermato il consigliere regionale Pd alla presenza del membro della segreteria provinciale di partito Antonietta Limongi.

©Riproduzione riservata