• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Agropoli, verso la denominazione di piazza Vittorio Veneto al prof Serra

Agropoli, verso la denominazione di piazza Vittorio Veneto al prof Serra

di Redazione

di Antonio Vuolo

La Piazza Vittorio Veneto di Agropoli  potrebbe essere dedicata al compianto Prof. Paolo Serra. La proposta è stata portata, per la prima volta,  nell’assise comunale dal consigliere Mario Pesca, «come omaggio, – ha sottolineato quest’ultimo,  – ad uno dei figli più illustri della città di Agropoli». 

Nel suo intervento Pesca ha evidenziato  che «sicuramente, tutti noi, che sediamo in questo Consiglio Comunale, nel fare politica e nel chiedere il consenso, ci siamo abbeverati dei suggerimenti e dei consigli del Prof. Paolo Serra, che era riuscito ad unire l’intera città, allorquando è stato candidato, negli anni novanta alla Camera dei Deputati».  

Due volte sindaco della città di Agropoli e più volte consigliere e assessore della città.  E’ stato anche assessore e consigliere della Provincia di Salerno. Impegnato non solo in politica ma anche in altre attività, è stato presidente della società Calcio Agropoli, e sotto la sua dirigenza  la squadra ha raggiunto dei massimi risultati.   Nel 1978,  con la fondazione “Tele Agropoli Cilento”, è  stato uno dei primi editori televisivi  sia a livello regionale che nazionale.  Ed ancora, ha  fondato le prime scuole  parificate nonché l’università privata.

Il sindaco Coppola, nel consiglio comunale, a nome di tutti i componenti, si  è detto favorevole a ricordare il Prof. Paolo  Serra con la dedica allo stesso di un edificio o luogo pubblico. Ha solo manifestato una perplessità per quanto riguarda «la piazza Vittorio Veneto dovuta, al cambio  successivo degli indirizzi dei residenti in tale piazza, ma si è detto  comunque fiducioso e,  quindi, nell’ aderire a tale richiesta  ha dato mandato, alle apposite commissioni consiliari,  di iniziare e l’ istruttoria della pratica».

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019