• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Al castello di Agropoli va in scena ‘Tutta colpa del coronavirus’, lo spettacolo teatrale di ‘Camminare insieme’

Al castello di Agropoli va in scena ‘Tutta colpa del coronavirus’, lo spettacolo teatrale di ‘Camminare insieme’

di Antonio Vuolo

L’associazione di volontariato ‘Camminare Insieme’ presenta lo spettacolo teatrale “Tutta colpa del corona virus”. L’appuntamento è per il 31 agosto alle 20.30 presso il castello di Agropoli. L’iniziativa vede il supporto del Comune di Agropoli, l’Avis di Agropoli e Leons Faro del Cilento di Agropoli. La Commedia, in due atti, è di Camillo Vittici adattata e diretta da Enrico Giuliano, scene e costumi di Pina Iuliano.

L’associazione di volontariato Camminare Insieme da quasi 20 anni, rivolge le  proprie attività e la gestione dei servizi ad utenti diversamente abili impegnando gli stessi,  nella realizzazione di laboratori culturali e teatrali, di sostegno di auto – aiuto, di educazione al lavoro grazie a progetti mirati, oltre a comprendere, come nello specifico, attività ludico ricreative, sportive, di canto e drammatizzazione, realizzazione di mosaici, di conservazione scrittura e lettura. Inoltre è stata come sempre realizzata un’importante opera di sostegno alle famiglie, coinvolgendole anche in attività ludico – ricreative (es. gite, escursioni, feste). Gli utenti di questo servizio presentano disabilità fisiche e/o mentali, e in alcuni casi, associate a deficit sensoriali. La programmazione pedagogica prevede durante l’anno dei periodi di intensa attività di animazione teatrale che si sviluppa all’interno della struttura e che si manifestano nella fase conclusiva presso scuole e teatri.

Trama Le due sorelle, Antonia e Brigida, soprattutto su notizie amplificate e apprese da fake news dagli amici Rosario e Mimmo, sono terrorizzate dalla nuova pandemia. Una di loro si convince di essersi presa il terribile virus. La situazione diviene tragica quando dei sanitari, bardati tipo palombari, si recano alla loro abitazione. A Brigida, complice più una bevuta del “1000 Erbe” che il Virus, compare addirittura il fantasma di Modesto, un lontano pretendente. A complicare il quadro anche Fra Campanella nel suo giro di Confessioni per aiutare i contagiati a salire, pentiti, in Paradiso. Ma basterà una Corona del Rosario avuta in sogno da Modesto per compiere il miracolo e a riportare la perfetta e completa guarigione.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019