Albanella, nasce il «baratto amministrativo»: meno tributi in cambio di lavori socialmente utili

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Renato Iosca, condivide la proposta lanciata dal gruppo Psi di Albanella coordinato dal segretario Diego Rufo. «Era un’idea sulla quale stavamo già lavorando – spiega l’assessore Rossella Vairo –  è sicuramente positivo pensare di barattare la propria manodopera, il proprio lavoro con le tasse da versare all’ente, mettendosi a disposizione attraverso  i lavori socialmente utili. E’ una misura introdotta dal decreto Sblocca Italia attualmente allo studio di vari Comuni italiani. Chi ha la difficoltà a far quadrare i conti potrebbe in questo modo rendersi utile per la comunità e  saldare i suoi debiti con il Comune sistemando le aree verdi del paese effettuando interventi di manutenzione in piazze e strade. Ma anche il recupero di beni immobili inutilizzati. Un sistema che farebbe piacere a chi è disoccupato, ha tempo a disposizione e non ha le risorse necessarie per pagare i tributi.  Io in prima persona e tutta la amministrazione ci impegneremo affinchè questo progetto possa essere effettuato. Faremo delle valutazioni se decidere di abbassare in parte o integralmente il tributo. Non tutti chiaramente potranno usufruirne, seguiremo dei criteri ben rigidi. Apprezziamo come amministrazione la proposta avanzata dai socialisti che ripeto è alla nostra attenzione».

©Riproduzione riservata