Alta velocità, Aloia chiama a raccolta i sindaci del Cilento

di Antonio Vuolo

La questione alta velocità continua a tenere banco e resta tra gli argomenti di attualità che si impongono con maggiore forza sulle pagine della cronaca locale. E’ di oggi la chiamata a raccolta di Antonio Aloia, sindaco di Vallo della Lucania, ai sindaci del Cilento.

«Premesso che l’Amministratore Delegato di RFI, anche nella sua funzione di Commissario Straordinario per la realizzazione dell’Alta Velocità nella linea Salerno – Reggio Calabria, ha presentato alle Commissioni Ambiente e Trasporti alla Camera dei Deputati le schede tecniche del progetto di massima velocizzazione della Ferrovia Tirrenica Meridionale Salerno – Reggio Calabria – scrive Aloia nella lettera . Visto che, da tali schede, risulterebbe sorprendentemente che la nuova linea dell’Alta Velocità SA-RC si innesterebbe direttamente sulla Linea a monte del Vesuvio in direzione Napoli, “bypassando”, le attuali stazioni di Salerno e di Battipaglia e, a sorpresa, annullando di colpo tutti i precedenti studi di fattibilità che la vedevano naturalmente attraversare il territorio cilentano, invece, tra Eboli e Sicignano degli Alburni, con una manovra di aggiramento delle nostre terre, essa proseguirebbe verso il Vallo di Diano fino a raggiungere Lagonegro, correndo parallelamente all’Autostrada A2 Salerno – Reggio Calabria, per poi riavvicinarsi al Tirreno ed approdare nella stazione di Praja a Mare (CZ), da dove si ricongiungerebbe con l’attuale tracciato verso la direttiva Cosenza, Lamezia Terme, Gioia Tauro, Villa San Giovanni. Io sottoscritto Antonio Aloia, nella qualità di Sindaco della Città di Vallo della Lucania, insieme ai Sindaci dei Comuni di Capaccio Paestum Francesco Alfieri, di Agropoli Adamo Coppola e Sapri Antonio Gentile, invito tutti i Sindaci dei Comuni del Cilento a partecipare ad una riunione plenaria per discutere e condividere insieme una strategia unitaria di contrasto di tale improvvido ed infausto progetto di sviluppo dell’Alta Velocità a sud di Salerno che rischia di decretare il definitivo allontanamento del nostro territorio dai centri nevralgici del Paese ed il suo abbandono ad un destino di marginalità e spopolamento». 

«La riunione si terrà a Vallo della Lucania il giorno di venerdì 26 febbraio 2021 con inizio alle ore 17:30 presso il Teatro Auditorium Città di Vallo della Lucania Leo De Berardinis in via Badolato dove potranno essere assicurate tutte le norme sul distanziamento fisico in funzione anti contagio da Covid-19».

©Riproduzione riservata