• Home
  • Cronaca
  • È nato COPAT il Comitato Parco e territori del Cilento, Alburni, Vallo di Diano e Sele

È nato COPAT il Comitato Parco e territori del Cilento, Alburni, Vallo di Diano e Sele

di Biagio Cafaro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 15 Gennaio è nato il comitato COPAT. La nascita è stata dovuta alla sinergia di associazioni e cittadini i quali vogliono raggiungere la creazione di un nuovo atteggiamento culturale verso il territorio e le problematiche ambientali del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, degli Alburni e del Sele. L’associazione socio-culturale ha sede presso Silla di Sassano.Molti sono gli obiettivi dell’associazione COPAT. Tra questi vi è quello di salvaguardare ed incrementare l’integrità ambientale ed il patrimonio culturale del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e zone limitrofe, in collaborazione con gli Enti territoriali locali e Enti sovracomunali, con particolare riguardo per le aree tutelate a qualsiasi titolo e per le aree di pregio paesaggistico e per la conservazione della biodiversità. Oltre a ciò, il comitato COPAT ha come scopo quello di monitorare, in collaborazione con il corpo forestale dello Stato, il servizio di vigilanza provinciale e le altre forze dell’ordine preposte ai controlli sulle attività umane che possono compromettere l’equilibrio ambientale, il paesaggio e le attività economiche sostenibili del P.N.C.V.D. e le zone limitrofe. Un altro obiettivo importante del comitato è quello di Informare i cittadini dei rischi ambientali e paesaggistici e sui conseguenti riflessi economici, relativi alle aree di loro interesse. Ma anche diffondere la cultura del rispetto e tutela della natura, delle attività economiche sostenibili e delle tradizioni. Infine il comitato si impegna ad interagire con le Istituzioni Amministrative ai fini di un confronto critico per la partecipazione alle scelte che si andranno a fare sul territorio in questione in merito alle tematiche ambientali.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019