Offerta 2023

Il nostro amico cavallo

| di
Il nostro amico cavallo

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo dall’A.N.P.A.N.A.

Con l’inizio delle belle giornate le cavalcate all’aria aperta sono una delle più belle esperienze che possiamo vivere con il nostro cavallo….a patto che non diventino un’incubo, il che accade non di rado.
Di solito, il cavallo viene tirato fuori dal box, viene rapidamente strigliato, sellato, e poi in sella e via, senza tenere presente  come si senta oggi il nostro amico.
Per secoli i cavalli hanno tirato carri per noi, ci hanno trasportati per lunghi tragitti, hanno lavorato la terra, hanno combattuto le nostre battaglie e sono morti per noi . Ed anche ora, nell’epoca dell’informatica, noi continuiamo ad esserne  affascinati, e loro sono pronti a darci tutto.
La popolazione equina sta aumentanto  come quella umana , da Unire e Aia arriva la conferma che, dopo anni in chiaroscuro, il settore registra dal 2001 ad oggi, una crescita media del 5% all’anno. Il censimento della popolazione equina non è semplice.
Come per tante altre cose, mai come oggi, ci sono state così tante possibilità per gli uomini di realizzare i propri sogni, i cavalli in fondo non servono più per aiutare l’umanità fisicamente, come mezzo di trasporto o ausilio per il lavoro agricolo, ma hanno innalzato il loro ruolo a livello mentale, emozionale e spirituale.
 In tutto questo troviamo coloro che amano i cavalli, e tutti gli altri. Soltanto se esistono cuore e desiderio, come sentimenti di base, è possibile iniziare un buon rapporto con il nostro amico e poi esistono persone che hanno poco cuore per i cavalli, semplicemente li utilizzano e li sfruttano, interessati a conquistare una medaglia o altro, piuttosto che al benessere del cavallo. Le persone imparano dai cavalli cose spesso dimenticate, come la pazienza, la sincerità, la salute fisica,ecc…,inoltre i cavalli riportano l’uomo ad una vita che rispetta le leggi naturali.
Pertanto auguro  a tutti buone galoppate insieme al vostro amico. Chissà. All’inizio fu la parola. Scriviamo del paradiso futuro!

Il Responsabile Tutela Equini Regione Campania
                           ENZO PETRAGLIA

 



©Riproduzione riservata
×