Ancoraggio vietato, diportisti multati nell’area marina protetta di Santa Maria di Castellabate

Infante viaggi

di Antonio Vuolo

Controlli e sanzioni pecuniarie all’interno dell’area marina protetta di Santa Maria di Castellabate da parte della guardia costiera di Agropoli, agli ordini del tenente di vascello Giulio Cimmino, per l’ancoraggio in aree vietate dalla normativa che disciplina la fruizione di una delle due riserve marine del Cilento. Sono stati, infatti, almeno una ventina i diportisti “pizzicati” con i natanti ancorati laddove non era possibile, negli specchi d’acqua tra Punta Licosa e la baia di Ogliastro Marina, tra i punti più belli e apprezzati dagli amanti del mare e della nautica nel territorio di Castellabate. I controlli si sono svolti durante lo scorso fine settimana con tre unità navali della Capitaneria di porto, due di Agropoli e una della Locamare di Acciaroli. Sono stati una ventina, in totale, le sanzioni pecuniarie elevate nei confronti di diportisti completamente ignari delle normative che disciplinano la fruizione dell’area marina protetta di Santa Maria di Castellabate, nonostante proprio durante l’estate scorsa è stato stilato da parte della Guardia costiera di Agropoli una guida tecnica pratica pronta per essere consultata dai diportisti in qualsiasi istante per evitare di commettere infrazioni e prendere sempre la decisione più giusta e più sicura mentre si naviga nel cuore della riserva marina.

  • Vea ricambi Bellizzi

RIPRODUZIONE RISERVATA

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur