• Home
  • Cronaca
  • Asl Salerno, prefetto convoca le sigle sindacali per la conciliazione

Asl Salerno, prefetto convoca le sigle sindacali per la conciliazione

di Maria Emilia Cobucci

«A seguito dell’indizione dello stato di agitazione indetto da tutte le organizzazioni sindacali territoriali, il Prefetto di Salerno convoca le organizzazioni sindacali per il tentativo obbligatorio di conciliazione – dichiarano i segretari Provinciali Antonio Capezzuto, Alfonso Della Porta, Gennaro Falabella, Carlo Lopopolo, Maria Teresa Esposito, Rosario Vitolo, Biagio Tomasco, Gennaro Vasile e Luigi Marino (rispettivamente Cgil Fp – Cisl Fp – Uil Fpl – Fials – Fsi – Nursing Up – Nurdins – Snalv e Ugl). Sono ormai tre anni che le relazioni sindacali sono tutt’altro che stabili in Asl, anzi totalmente inesistenti e spiace dover rilevare, che anche la nuova direzione strategica sino ad oggi non ha ritenuto opportuno convocarci neanche per un confronto di approfondimento sulle materie e sulla vertenza per evitare lo scontro – incalzano i segretari – atteso che a tutt’oggi vi è una paralisi dell’azienda, dalle mancate stabilizzazioni degli aventi diritto ai sensi della legge Madia avendo raggiunto in 36 e i 18 mesi come previsto dalla legge di bilancio 2021 al mancato utilizzo di graduatorie per il personale in servizio a tempo determinato e risultato idoneo in concorsi pubblici a tempo indeterminato presso altre aziende».

«A fronte di una marcata e grave disattenzione alla riorganizzazione dei servizi e della filiera sanitaria e socio- assistenziale dell’ente che ha costretto ad inopinate chiusure di interi reparti si deve prendere atto della totale assenza di garanzia dei livelli essenziali di assistenza a causa del mancato adeguamento degli organici al fabbisogno assistenziale. Tutto ciò è la totale espressione di spregio nei confronti delle relazioni sindacali anche su accordi sottoscritti che non solo non vengono onorati, ma unilateralmente vengono disattesi e smentiti senza alcun ulteriore confronto né approfondimento sulla materia. Dopo l’incontro con Rappresentanza Sindacale Unitaria (RSU) avvenuto lo scorso 25 Luglio per discutere sul da farsi in merito alla mancata convocazione per il completamento della procedura da adottare sull’utilizzo delle risorse da destinare alla valorizzazione del personale, si è dovuto assistere alla totale mancanza di rispetto nei confronti delle organizzazioni sindacali e dei lavoratori tutti. E’ il caso delle progressioni economiche orizzontali (PEO) e dei passaggi verticali ovvero il completamento delle procedure avviate e mai concluse. Il Dialogo e l’esigibilità degli accordi sottoscritti sono diritti sacrosanti dei lavoratori previsti dal Contratto Collettivo Nazionale e non possono essere negati. Non solo vale il discorso della continuità amministrativa e la nuova Direzione Strategica dovrà assumersi le proprie responsabilità. E’ impensabile che le risorse dei fondi destinate ai lavoratori vengano utilizzate per il disavanzo dovuto allo straordinario generato dall’Azienda per la mancata assunzione di personale ma soprattutto per il mancato controllo sull’organizzazione del lavoro lasciata alla merce di dirigenti poco attenti se non addirittura incapaci – incalzano i segretari provinciali -. Giovedì 1 Settembre ci sarà l’incontro con la parte pubblica ed il Prefetto per il tentativo di mediazione e non permetteremo che vengano lesi i diritti dei lavoratori per cui auspichiamo che l’incontro avrà esito positivo. Una cosa è certa, in assenza di risposte concrete noi non ci fermeremo e saremo accanto ai lavoratori per scioperare a tutela e a salvaguardia di tutti e assicuriamo che la vertenza andrà avanti ad oltranza almeno fino a quando non ci saranno atti certi e meritevoli di attenzione, a tutela e a garanzia della dignità di tutti i lavoratori», concludono i segretari provinciali.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019