Attività chiuse a Ceraso e Montano, sindaco Maione: «No inutili allarmismi, vinca buon senso»

Infante viaggi

«La Regione Campania, con una ordinanza a firma del Presidente, ha sospeso nel Comune di Ceraso e sino al giorno 1 marzo ogni iniziativa o manifestazione di qualsiasi natura, i servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, la chiusura di tutte le attivita’ commerciali. Una misura preventiva, determinata dalla circostanza che la persona risultata positiva al Covid 2019 nei giorni scorsi e’ transitata anche nel Comune di Ceraso». È quanto scrive sul suo profilo Facebook il sindaco della piccola comunita’ cilentana di Ceraso, Gennaro Maione. In particolare la 26enne di origine ucraine residente ad Abatemarco, frazione del Comune di Montano Antilia – anch’esso raggiunto dall’ordinanza della Regione – ha frequentato nei giorni precedenti la comparsa dei sintomi che l’hanno poi portata a presentarsi all’ospedale di Vallo della Lucania, un ristorante della zona e 1per questo – dichiara Maione alla Dire – abbiamo gia’ provveduto in via precauzionale a mettere in quarantena tutte le persone che sono venute a contatto diretto con la ragazza».

Da questa mattina dunque sono chiuse, e lo resteranno, tutte le attivitaà commerciali che, come ricorda il primo cittadino, «non sono poche». Il Comune infatti e’ composto da 5 frazioni: San Biase, Massascusa, Santa Barbara, Petrosa e Metoio. Saracinesche abbassate per bar, macellerie e ristoranti, fanno eccezione gli esercizi commerciali di genere alimentare e l’unica farmacia presente sul territorio comunale. «Ci tengo a sottolineare – rimarca alla Dire la vicesindaca del comune Pamela Ferrara – che la comunità locale non è in quarantena ed è dunque libera di circolare anche nei territori limitrofi». L’invito che l’amministrazione comunale rivolge ai cittadini è quello di non «lasciarsi trascinare in inutili allarmismi». «Stiamo seguendo tutte le procedure necessarie alla messa in sicurezza e al contenimento del contagio, in accordo con le disposizioni che provengono dalla Regione Campania con la quale, anche attraverso il governatore Vincenzo De Luca, siamo in costante contatto da ieri sera. Confidiamo nel buon senso di tutti», conclude Maione. Intanto la paziente 26enne ieri sera è stata trasferita all’Ospedale Cotugno di Napoli: le sue condizioni di salute non sarebbero gravi. 

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur