Aumentano i positivi al Covid a Casaletto Spartano: ora sono 12, via allo screening di massa

di Marianna Vallone

Preoccupa la situazione dei contagi a Casaletto Spartano, al punto da spingere l’amministrazione ad avviare uno screening di massa. Il totale dei casi, fino a venerdì sera, è di 12 positivi. Sono tutti in buone condizioni di salute e si trovano in isolamento insieme ai componenti dei loro nuclei familiari. Ieri però si è registrato anche un decesso: un’anziana di 84 anni con un quadro clinico già compromesso è morta anche per Covid-19.

L’amministrazione, guidata dal sindaco Concetta Amato, ha quindi previsto per la prossima settimana di organizzare uno screening generalizzato su base volontaria. «Verranno effettuati tamponi molecolari a cui tutti gli interessati potranno sottoporsi previa prenotazione. – spiegano da Palazzo di città – L’ente provvederà alla compartecipazione delle spese. Abbiamo scelto questa ulteriore soluzione perché nonostante la collaborazione dell’Asl, al momento, la stessa non riesce a garantire screening di massa per la complessità della situazione generale».

I tamponi verranno effettuati mercoledì 11 novembre a partire dalle 15:00 in prossimità dell’impianto sportivo di via Italo Petrosino. Il costo a carico dei richiedenti è di 50 euro, il Comune parteciperà alla spesa aggiungendo il restante alla quota fino a raggiungere gli 80 euro di costo del tampone molecolare.Inoltre saranno sottoposte a sanificazione aree e strutture pubbliche.

Con ordinanza numero 62 il Comune sospende il mercato domenicale, e tutte le attività di associazioni giovanili, sportive, e culturali che prevedono incontri e assembramenti in luoghi pubblici e privati. Sono state chiude tutte le aree pubbliche e private, come parco giochi, cimitero, impianti sportivi, aree verdi.

Attivato anche il Coc, centro operativo comunale. Carabinieri, protezione civile e polizia municipale, presidieranno spazi ed aree pubbliche. Pugno duro sulle misure restrittive ma anche assistenza 24 ore su 24, che sarà garantita dall’amministrazione alle persone poste in quarantena, anziani, disabili e chiunque sia in difficoltà.

«È una dura prova per la nostra comunità – aggiunge l’amministrazione – ma siamo sicuri che, con il grande senso di responsabilità che caratterizza tutti saremo in grado di superare anche questa brutta parentesi». Dolore e cordoglio sono stati espressi alla famiglia per la perdita della donna di 84 anni deceduta ieri mattina all’ospedale di Sapri.

©Riproduzione riservata