• Home
  • Cronaca
  • Bandiera blu, Ispani torna tra ‘le perle del Cilento’: «Un riconoscimento al lavoro di questi anni»

Bandiera blu, Ispani torna tra ‘le perle del Cilento’: «Un riconoscimento al lavoro di questi anni»

di Antonio Vuolo

«Torna la Bandiera Blu a Ispani. Un orgoglio immenso ed una riconferma che ci riempie di soddisfazione». Queste le parole del vice sindaco di Ispani con delega al Turismo, Amerigo Pierro. «Un riconoscimento al lavoro di questi anni, all’impegno del sindaco Francesco Giudice e dell’intera amministrazione e ai sacrifici dei nostri balneari. Ispani è tra le mete più deliziose e belle della costa cilentana. La Campania quest’anno è a quota 18 Bandiere blu e tra le perle più preziose torna Ispani. Per la stagione turistica 2022 c’è ottimismo e con il prestigioso riconoscimento è doveroso aspettarsi un incremento dei vacanzieri, attratti dalla nostra costa, dalla qualità dei nostri servizi e del mare. Ci faremo trovare pronti». È quanto dichiara il vice sindaco di Ispani, Amerigo Pierro.

«Siamo molto contenti del risultato raggiunto. Ritorniamo in possesso della Bandiera Blu, un vessillo che premia le bellezze del nostro territorio e la qualità delle sue acque. Viene così ricompensato il lavoro che sta portando avanti questa Amministrazione e delle persone che con essa collaborano», commenta il primo cittadino di Ispani, Francesco Giudice.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019