• Home
  • Cronaca
  • Cirielli: “l’evento è una vetrina importante per il nostro territorio”

Cirielli: “l’evento è una vetrina importante per il nostro territorio”

di Rito Ruggeri

Sono felice di ospitare questo importante evento che la mia amministrazione ha ereditato, finanziato dalla Regione  ed al quale la Provincia di Salerno, se pur nell’ottica di una contrazione delle spese del 30%, ha dato un contributo economico con l’impiego di fondi propri dell’Ente, sulla convinzione che la Borsa del Turismo Archeologico di Paestum è una vetrina importante per il Mezzogiorno”. Queste le parole del Presidente della Provincia, alla conferenza ufficiale di presentazione della XII edizione  internazionale della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, avvenuta stamani presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo Sant’Agostino. “I fondi da destinare a tali iniziative, purtroppo non sono mai sufficienti – ha continuato Cirielli – ma abbiamo deciso di approfittare di risorse economiche della Provincia per dare un significato locale all’evento che è una bella occasione promozionale della cultura ed enogastronomia per il nostro territorio, in cui si allunga la stagione turistica”. Alla conferenza stampa, il Presidente Cirielli ha annunciato che nel corso della Borsa del Turismo Archeologico sarà presentata l’Associazione delle Province che possiedono siti dell’Unesco, “una possibilità per il territorio- ha detto- di usufruire di finanziamenti importanti”. Alla presentazione erano presenti , inoltre: la Sovrintendente archeologica per le province di Sa, Av, Be, Cs, Maria Luisa Nava, che ha sottolineato alcune importanti novità per la XII edizione: “presenteremo a Paestum – ha detto Nava – il vaso a figure rosse di Asteas raffigurante il mito di Europa, capolavoro recuperato dal Ministero per i Beni culturali insieme ad altri settanta reperti archeologici trafugati e portati in Florida ed appartenenti all’antica officina di ceramografi cilentana. Alla Borsa firmeremo un protocollo con il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano per riqualificare l’area archeologica di Paestum e ricostruire l’antico roseto locale”. Anche il Presidente del Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano, ha voluto lanciare una novità: “alla Borsa porteremo – ha dichiarato – una mostra fotografica dei nove siti recuperati nell’area protetta e che affermano, sempre più, l’identità del Parco, anche sotto l’aspetto archeologico”. Sul successo della Borsa ha parlato il Presidente della Camera di Commercio, Augusto Strianese, che ha evidenziato “la posizione strategica di Salerno, ponte del Mediterraneo per l’Oriente e l’Europa e la Borsa come offerta importante per gli incontri tra operatori”. Sui dati confortanti dell’evento di Paestum, il Direttore della Borsa, Ugo Picarelli, ha sottolineato: “l’evento è il quarto a livello nazionale per visitatori  ed operatori turistici”. Successo confermato con soddisfazione anche dal Dirigente del Turismo e Spettacolo, Ciro Castaldo e dal delegato al Turismo,  Alberico Gambino. Numerose le autorità militari e civili in sala che hanno partecipato alla Conferenza di presentazione  della Borsa, in programma dal 19 al 22 novembre prossimi presso il Centro Espositivo Ariston di Paestum.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019