• Home
  • Cronaca
  • Vallo della Lucania: da “Capoluogo storico del Cilento” a “paesino sperduto”, secondo l’adorabile e pluridecorato vescovo mons. Giuseppe Rocco Favale da “Mont’pluso”

Vallo della Lucania: da “Capoluogo storico del Cilento” a “paesino sperduto”, secondo l’adorabile e pluridecorato vescovo mons. Giuseppe Rocco Favale da “Mont’pluso”

di Giuseppe Galato

Continua il botta e risposta fra Michele Murino e Giuseppe Rocco Favale, vescovo di Vallo Della Lucania, che durante un’intervista ha definito Vallo della Lucania un “paesino sperduto”.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:

Lettera aperta al vescovo (ancora per poco) della Diocesi di Vallo della Lucania.

…PER LEGITTIMA DIFESA

Eccellenza, non mi rimproveri! Lo so, sono in netto ritardo! A causa dei tanti argomenti affrontati in questi giorni, ho tralasciato questo che certamente sta tanto a cuore a tutti i Vallesi.

Comunque: Eccellenza, complimenti vivissimi! Ho seguito il Suo fantastico exploit  televisivo dell’11 luglio u.s., sulla rete cilentana e filovescovile “Set” (è stato irradiato anche in mondo visione?) e, per legittima difesa, rispondo alla più che offensiva  affermazione di “paesino sperduto” – da Lei addebitata a Vallo della Lucania (“paesino sperduto”) – allorquando Lei mise piede nel Cilento.

Eccellenza, secondo me: infausto quel giorno! “Ad maiora semper”, Eccellenza, il Suo glorioso medagliere si è arricchito di due ulteriori decorazioni. Dopo Cannalonga, anche a Vallo della Lucania, “paesino sperduto”, Eccellenza, Le hanno conferito la cittadinanza onoraria, anche per premiarLa, forse, Eccellenza, per le Sue  svariate, geniali affermazioni ed idee tra cui quella di trasferire la sede  della Diocesi  a Paestum (Ma dove la trova Lei tanta creatività, Eccellenza?!).

Eccellenza,  in confidenza Le comunico che la  cittadinanza onoraria conferitaLe dal Comune di Vallo è fasulla.

Eccellenza, mi ascolti. La cittadinanza onoraria è un’onorificenza concessa da un comune per onorare una persona non  residente. Al contrario Lei è residente a Vallo della Lucania e perciò il procedimento  è falso.

La prego, genuflesso e a mani giunte, Eccellenza, produca ulteriori affermazioni offensive su Vallo della Lucania, vedrà che a Palazzo di città , dopo la cittadinanza onoraria, Le assegneranno la medaglia d’oro al valore. Si impegneranno profondamente per farle conferire l’Onorificenza pontificia del Santo Sepolcro di Gerusalemme ed al fine di emulare l’iniziativa del Suo ex omologo salernitano sostituiranno, con la statua di Sua Eccellenza Favale, il Monumento ai Caduti davanti al Municipio.

Diceva Petrolini nel suo “Nerone”: “Lo vedi? Il popolo quando s’abbitua a dire che sei bravo, pure che non fai niente, sei sempre bravo”…

Quanto La invidio, Eccellenza! Quanto vorrei essere al Suo posto, Eccellenza  reverendissimo!

Ma, torniamo all’intervista televisiva dell’11 luglio u.s., Eccellenza! Durante quell’intervista, appunto, Lei ha professato, con profonda sufficienza le seguenti e testuali parole: “l’idea che mi sono fatto è stato prima di tutto di sorpresa perché non conoscevo Vallo della Lucania, ho cercato di guardare la geografia e ho visto questo paesino sperduto. Un poco di preoccupazione l’ho avuta”.

Vallo della Lucania: “paesino  sperduto”!?!

Eccellenza, ma Lei da dove arrivava, da Buckingham Palace? O dal numero 10 di Downing Street (Residenza del Primo Ministro del Regno Unito)?

Certamente no!

Eccellenza, Lei proveniva da “Mont’ pluso”, provincia di Matera – Basilicata – la stessa terra presso cui l’Italia fascista mandava al confino  i  dissidenti, tra i quali Carlo Levi. Irsina, “Mont’ pluso”, un paese di circa 5180 anime, assediato ed invaso nell’895 dai Saraceni, che nel 988 lo distrussero. Irsina, “Mont’ pluso”, fu ricostruito nientemeno che dal Principe Giovanni II di  Salerno. Era di Salerno il Principe Giovanni II che ricostruì “Mont’ pluso”, Eccellenza! Si figuri un pò, Eccellenza?! Dal Medioevo e fino al 6 febbraio 1895, Eccellenza, il nome del Suo paese era Montepeloso.

Forse, arrivando da “Mont’ pluso”, come “Cappuccetto rosso”, Eccellenza, Lei aveva timore di incontrare  il lupo cattivo a Vallo della Lucania?

Per fortuna, Eccellenza, i Suoi conterranei non sono dotati di questo istintivo disprezzo per questo “paesino sperduto”, come Lei lo ha definito nell’intervista.

Conosco, colte persone e nobilissimi nuclei familiari, provenienti dalla Basilicata, abitanti in questa città che onorano, solo con la loro presenza, Vallo ed il Cilento. Ecco, a quest’ultimi andava conferita la cittadinanza onoraria, non a Lei, che, proveniente da “Mont’ pluso” e nonostante qui residente, considera Vallo della Lucania “un paesino sperduto”.

Sappia, Eccellenza, che già all’inizio del ‘900 questo “paesino sperduto”, come Lei lo ha definito, risultava sede di “Corte di Assise”, “Tribunale” e “SottoPrefettura”. Sappia, Eccellenza, che fino agli anni ’70, anche dalla  Basilicata e, forse, anche da “Mont’ pluso”, arrivavano in questo “paesino  sperduto”, presso il Convitto Municipale, tanti e tanti giovani per  conseguire un qualsiasi titolo di studio.

Le ricordo, Eccellenza, che Carlo Levi così scrive del suo esilio fascista a Grassano e ad Aliano, in provincia di Matera: <<Ma in questa terra oscura, senza peccato e senza redenzione, dove  il  male non è morale, ma è un dolore terrestre, che sta per sempre nelle  case,  Cristo non è disceso. Cristo si è fermato ad Eboli!. “Cristo non è disceso?!! Cristo si è fermato ad Eboli?!?”. Mah, chissà  cosa vuole dire, questo Levi, Eccellenza!

Essendo Lei la c.d. Autorità  ecclesiastica costituita in loco (anche se dimissionario), chi meglio di Lei potrebbe commentare –  con la Sua unica,  coinvolgente, affascinante, incantevole “arte oratoria” e cristallina  chiarezza  di linguaggio – Carlo Levi quando scrive: “Cristo non è disceso. Cristo si è fermato ad Eboli”?!

E si senta profondamente onorato  di aver campato per vent’anni su Vallo della Lucania (paesino sperduto), Eccellenza!.

Ci saluti “Mont’ ‘pluso”, Eccellenza!

E mi perdoni quella che, in apparenza, può sembrare una caduta di stile ma  nella sostanza  E’ LEGITTIMA DIFESA.

Un riverentissimo inchino e un devotissimo saluto da Michele Murino.

W  SUA ECCELLENZA!

W  MONT’ PLUSO!

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019