• Home
  • Sport
  • U.S.Agropoli, è caos: in sette lasciano la squadra

U.S.Agropoli, è caos: in sette lasciano la squadra

di Rito Ruggeri

Per l’ennesimo anno, l’Agropoli calcistica si prepara ad un’estate particolarmente rovente. Il tanto pubblicizzato programma triennale annunciato nel corso dell’anno dall’ex presidente Carmine Adinolfi è fallito. I primi sentori vi erano stati già nel periodo natalizio quando non poche difficoltà ci furono a pagare gli stipendi ai calciatori e allo staff. La scorsa settimana poi, il presidente Adinolfi ha rassegnato le dimissioni lasciando naufragare del tutto la società e soprattutto lo squadra che, come ha sottolineato l’allenatore Carmine Turco, è da tre mesi senza stipendio.
        
Nonostante questo i ragazzi hanno continuato a scendere in campo per non gettare via del tutto una stagione che, a dispetto della crisi societaria, la vedeva in piena lotta per i play off. Il sogno però di poter accedere agli spareggi per la promozione in serie D, è svanito dopo il pareggio interno di domenica scorsa contro il Ferrini Benevento. E così, quando anche le motivazioni sono venute meno, alcuni calciatori hanno deciso mollare. Caputo, Balzamo, Luongo, Moccia, Anastasio, Carbone e Mazzariello hanno lasciato la squadra. Non saranno più presenti agli allenamenti e non scenderanno in campo nelle ultime due gare di campionato. “Sono rammaricato per quanto è successo – afferma il portiere Carmine Caputo – ma purtroppo le vicissitudine societarie che quest’anno ci sono state, ci hanno portato a questa decisioni. Fin ora – continua il portiere – abbiamo continuato a giocare per i tifosi che ci sono sempre stati vicini e a loro volevamo dedicare la conquista dei play off. Ora che però questa possibilità è fallita, non possiamo ci sono le condizione per proseguire quest’avventura. Voglio però ringraziare tutti i tifosi per l’affetto, la stima e il rispetto che hanno dimostrato nei miei confronti. Personalmente sono pronto a promettere che se le cose il prossimo anno dovessero cambiare, sarei felice di ritornare ad Agropoli e orgoglioso di tornare a vestire questa maglia”. Alla luce dell’abbandono di questi calciatori, mister Turco per la trasferta di Vallo della Lucania e per l’ultima gara interna con l’Ebolitana, sarà costretto ad inventare la formazione schierando in campo molti giovani e molti calciatori fin ora poco utilizzati. Nelle prossime domeniche, andranno in scena gli ultimi due atti di una stagione partita con i migliori auspici e conclusasi veramente male. Ora si può solo lavorare per gettare le basi per il prossimo anno affinché l’Agropoli calcistica ritrovi la sua dignità.
 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019