• Home
  • Comuni
  • Camerota
  • Camerota, accuse Bonadies. Maldonato: «Antonietta Coraggio estranea»

Camerota, accuse Bonadies. Maldonato: «Antonietta Coraggio estranea»

di Pasquale Sorrentino

Franco Maldonato, legale dell’architetto Antonietta Coraggio, dirigente dell’ufficio tecnico di Camerota, che ha ricevuto dure accuse da parte dell’avvocato Bonadies, ha scritto una lettera confutando ogni addebito. L’avvocato Ennio Bonadies, nei giorni scorsi, attraverso le colonne di un quotidiano salernitano, ha portato alla luce presunte azioni di «riciclaggio e reinvestimento di denaro della camorra nelle procedure esecutive immobiliari del Tribunale di Vallo della Lucania a Camerota». Bonadies ha inviato una luna nota al presidente della commissione parlamentare antimafia, il senatore Nicola Morra, e si dice «pronto a fornire i documenti necessari».

Maldonato ha chiarito la posizione della sua assistita, l’architetto Coraggio, respingendo ogni accusa in ordine ad un suo possibile coinvolgimento nel «presunto piano criminoso – tutto da dimostrare». Secondo Maldonato, infatti, l’avvicendamento della Coraggio alla guida dell’Ufficio Tecnico del Comune di Camerota «è intervenuta a conclusione di un procedimento di mobilità conforme a legge, invalso presso tutte le Pubbliche Amministrazioni e il suo rapporto a tempo indeterminato sarebbe stato confermato dal Commissario prefettizio, nel 2017, instauratosi a seguito delle dimissioni dell’amministrazione precedente all’avvento del Sindaco Scarpitta».

«Non appare inconferente – ha dichiarato Maldonato – che di tale vicenda si sia già occupata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vallo della Lucania senza che alla Coraggio sia stato mai contestato alcunché. Grave è, comunque e in ogni caso, che la questione urbanistico-edilizia venga accostata agli illeciti attribuiti a Magistrati del PM e dell’Ufficio Esecuzioni Immobiliari e il tutto affasciato in un affaire di presunto riciclaggio di soldi sporchi che, se fondato, è avvenuto prima che l’architetto Coraggio fosse interessata – molto latamente – alla istruttoria della pratica e senza rivestire alcuna potestà decisionale».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019