• Home
  • Attualità
  • Camerota è comune ciclabile, assegnata la Bandiera gialla

Camerota è comune ciclabile, assegnata la Bandiera gialla

di Redazione

Dopo la bandiera Blu, anche la bandiera gialla di Fiab-ComuniCiclabili, è stata assegnata al comune di Camerota. Sono sei i comuni cilentani che hanno ricevuto il prezioso riconoscimento, tra cui spicca l’entrata di Capaccio -Paestum. Per Camerota è un periodo magico: dopo la bandiera blu e verde (assegnata dai pediatri per le spiagge adatte alle famiglie), aggiunge anche la gialla, facendo incetta di bandiere. Un percorso che è sempre più attento alle azioni green.

Per il quarto anno il comune si riconferma nella rete Fiab, restando quindi alla ricerca di una consapevolezza dell’immenso patrimonio che il territorio rappresenta e del dovere di tutelarlo. Con nuove sfide, cerca di rientrare nei parametri dettati da vari progetti ambientali che misurano il grado di bellezza, di vivibilità, di rispetto dell’ambiente, arricchendolo di un valore aggiunto che lo rende speciale per i suoi abitanti e per i numerosi  turisti .

Infatti, attraverso la progettualità, che non prevede solo la realizzazione di infrastrutture, si realizza una comunicazione e formazione,  principalmente nelle scuole, per formare ad una mobilità alternativa, ad una intermodalità ed un’equa suddivisione degli spazi urbani, con lo scopo di  tutelare  sempre l’utente debole  e diminuire l’emissione di Co2 nell’aria. Questo lento processo ha portato in questi anni a vedere su strada sempre più biciclette usate per la mobilità urbana, ha aperto una porta sul cicloturismo che ha  iniziato ad apprezzare i nostri stupendi luoghi e ha creato una costola associazionistica che con le escursioni racconta la storia e le emozioni del territorio e con azioni sportive come corsi e Campi estivi, ha avvicinato i ragazzi  alle bellezze dei luoghi  ed alle sue opportunità usando la bici come tramite e  trasformandola quindi  in strumento culturale.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019