Camerota, presunta aggressione a figlia: indagano i carabinieri

di Maria Emilia Cobucci

Una presunta aggressione si sarebbe consumata ieri pomeriggio, martedì, sulla spiaggia del Pozzallo di Camerota, nell’area marina protetta Costa degli Infreschi e della Masseta. Secondo quanto ricostruito da testimoni oculari che avrebbero assistito e poi denunciato, una donna di 55 anni, insegnante residente a Salerno, si sarebbe scagliata contro la figlia di 9 anni per motivi non noti a chi scrive. Mamma e figlia erano in spiaggia quando l’insegnante avrebbe colpito con diversi schiaffi la bambina e avrebbe anche provato a scagliarle una pietra contro. Attoniti i presenti che hanno immediatamente allertato la capitaneria di porto di Palinuro, guidata dal tenente di vascello Francesca Federica Del Re, e i carabinieri della locale stazione comandati dal maresciallo Francesco Carelli. Militari e marinai hanno atteso il rientro della donna e della bambina al porto di Marina di Camerota. Subito dopo le forze dell’ordine hanno interrogato alcuni testimoni oculari della vicenda e ascoltato la donna per poi informare della vicenda i servizi sociali. Massimo riserbo sulle indagini.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019