• Home
  • Turismo
  • La Pro loco si rinnova. Eletto il direttivo, a breve il nome del presidente

La Pro loco si rinnova. Eletto il direttivo, a breve il nome del presidente

di Maria Antonia Coppola

Scadevano a fine novembre i termini per assegnare un nuovo direttivo alla Pro loco di Camerota, e  ieri sera, dopo aver tenuto affisso per dieci giorni, l’avviso alla bacheca della sede della stessa Pro loco, si è dato il via alle votazioni. Che la notizia della formazione del nuovo direttivo sia stata poco ufficializzata e resa pubblica all’improvviso, che ci siano state delle critiche sul come si agisce su una faccenda (la Pro loco)che interessa tutti, ha poco significato per i nuovi eletti. Si è seguito, hanno detto, passo passo l’indicazione de il Regolamento. Misterioso appare l’elenco dei componenti, anche se noto, non si è voluto ufficializzarlo prima degli incarichi che si riceveranno. Si sa però, dall’intervista fatta a Bifulco, presidente pro tempore, che il nuovo direttivo è già al lavoro, almeno concettualmente, per definire il nuovo Regolamento, secondo le direttive dell’Unpli, unione nazionale pro loco d’Italia.
Dice Bifulco: “Il nuovo direttivo che si insedierà, sarà di massima apertura, di massima garanzia per tutte le associazioni. Nel Regolamento che stiamo per stilare, ci sarà un apposito articolo, esclusivo per le associazioni. Una collaborazione aperta, dove vorremo e daremo collaborazione. Anche per quello che sarà la programmazione, utilizzeremo l’apporto delle associazioni già strutturate. Per noi è di vitale importanza. Fino ad oggi La Pro loco ha avuto pochi mezzi e pochi uomini. Qualcuno ha partecipato attivamente, la Pro loco ha fatto quello che ha potuto fare. Ora ci dovremo attrezzare diversamente, lavoreremo con più frequenza, forse lasciando meno spazio al ‘volontariato’ riusciremo a mantenere una continuità, anche con la partecipazione di giovani, dando magari un’opportunità di lavoro, attraverso qualche progetto”. 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019